Calciomercato Inter, Conte dà l’ok | Via subito, out per l’Europa League

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:25
Conter spogliatoio
Antonio Conte (Getty Images)

Nella selva di prestiti in cui si muove anche l’Inter, Marotta e Conte hanno deciso di tagliare un giocatore in particolare prima dell’Europa League

La scadenza del 30 giugno ha dato molto lavoro ai club in ottica calciomercato, vista la necessità impellente di risolvere le questioni prestiti, sia per la Serie A che per l’Europa League. In casa Inter sono principalmente due le situazioni da risolvere, di giocatori che fanno parte attualmente della rosa di Antonio Conte. In primis Alexis Sanchez, che in questo sprint finale di stagione, al ritorno dall’infortunio, può essere una pedina importante per il tecnico.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, conto alla rovescia per Lautaro: cambiano le cose

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, Conte ha scelto: dopo Hakimi, ecco altri quattro colpi

Victor Moses (Getty Images)

Calciomercato Inter, Moses addio anticipato: Sanchez chiamato al ‘sacrificio’

Sia per il cileno per che Victor Moses, l’Inter ha trovato l’accordo con Manchester United e Chelsea per trattenerli fino alla fine della stagione. Almeno in Serie A, dal momento che – come riporta ‘Tuttosport’ – per l’Europa League c’è ancora qualche incognita, per entrambi. Soprattutto per il nigeriano, Conte potrebbe decidere di tagliarlo: questo perché il tecnico ha comunicato a Marotta che per agosto, in Europa, potrebbe farsi bastare gli esterni a disposizione. Vedi Candreva e Young.

Per restare aggiornato con tutte le news legate al mercato e non solo CLICCA QUI!

Quindi Moses potrebbe salutare l’Inter già tra un mese. Già deciso, invece, il ritorno al Chelsea per la prossima stagione dal momento che l’esterno nigeriano non sarà riscattato per 12 milioni. Anche perché Hakimi costerà parecchio e gli investimenti vanno dosati per reparto. L’allenatore nerazzurro, però, tratterrebbe volentieri Sanchez: l’Inter cercherà di abbassare il prezzo del cartellino come prima cosa, ma per restare il cileno dovrebbe soprattutto decurtarsi l’ingaggio.