Monza-Juve, anche Gatti ‘smentisce’ Allegri: “Ecco cosa ci eravamo detti”

Le parole di Federico Gatti ai microfoni di DAZN al triplice fischio della sfida tra Monza e Juventus. Il difensore ha esternato tutta la sua gioia

Nella nebbia dell’U Power Stadium, il graffio di Gatti ha squarciato le nubi in casa Juventus, regalando ai bianconeri tre punti di vitale importanza. Intervistato ai microfoni di DAZN, il difensore bianconero ha toccato diversi argomenti nella consueta intervista post partita, non nascondendo tutta la sua soddisfazione.

Monza-Juve, anche Gatti 'smentisce' Allegri: "Ecco cosa ci eravamo detti"
Gatti (LaPresse) – Calciomercato.it

Così come Rabiot nel post partita della sfida con l’Inter, anche Gatti non ha nascosto l’ambizione della Juve di agguantare la vetta della classifica. Rispetto ad Allegri, dunque, i calciatori bianconeri anche davanti alle telecamere non fissano il quarto posto come obiettivo stagionale, ma guardano oltre: “Un’emozione pazzesca, incredibile. Prima della partita avevamo detto fra noi che avremmo dovuto essere in vetta alla classifica. Dispiace per il gol preso perché secondo me potevamo fare di più, me in primis. Sono contento di essermi rifatto subito. Sono tre punti che pesano tantissimo. Giochiamo per la vetta. Il discorso era proprio quello: facciamo i tre punti. Sono una squadra tosta, compatta. Quella di stasera è una vittoria fondamentale.”

Gatti ha poi analizzato anche il legame importante con il gruppo, come mostrato anche dagli attestati di stima ricevuti nei giorni scorsi: “Vivo per questo gruppo. Sono disposto a mettere da parte tutto per loro. Sono contento che loro mi ripagano con questo. Sono la mia seconda famiglia; si creano dei legami strettissimi. Da Monza a Monza, chiusura ideale del cerchio? Il duro lavoro ripaga sempre”.

Impostazioni privacy