Dal ‘predestinato’ Scalvini alle plusvalenze: parla Gasperini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:12

Posticipo col botto tra Juventus e Atalanta allo Stadium. La sfida si è conclusa con un pirotecnico 3-3. L’analisi della serata da parte di Gasperini  

È stata una serata ricca di spettacolo quella dello Stadium in cui Juventus e Atalanta si sono fronteggiate a viso aperto e senza esclusione di colpi. Ne è venuto fuori un esplosivo pareggio per 3-3 che ha messo ancora una volta in risalto la ritrovata verve offensiva dei bergamaschi.

Juve-Atalanta, Gasperini: da Scalvini alle plusvalenze
Gasperini screenshot – Calciomercato.it

Ad analizzare quanto accaduto nella serata ci ha pensato ai microfoni di ‘Dazn’ il tecnico Gian Piero Gasperini che è partito dal confronto tra il tridente Zapata-Ilicic-Gomez e quello attuale: “Zapata ha grande fisicità, Hojlund invece ne metterà ancora. È destinato a crescere. Gomez e Ilicic erano di grandissimo livello dal punto di vista tecnico, Boga e Lookman prediligono le velocità. Sono caratteristiche diverse, ma se facciamo tanti gol è uguale per me“.

Evidente la crescita atalantina da inizio anno: “Questa sera è la testimonianza della nostra crescita rispetto a inizio campionato, principalmente per la personalità dei giocatori che avevamo e degli altri che si sono aggiunti. Questa è un’Atalanta diversa che mi sta dando tante soddisfazioni”: Tema che si lega benissimo con l’exploit di Giorgio Scalvini e gli elogi di Gasperini: “Un grande giocatore già a 19 anni per responsabilità, carisma. Parliamo di un leader in campo per rendimento e fuori per comportamento, nonostante la giovane età. È un predestinato, mi piace molto in difesa perché dà sicurezza nelle uscite. Ha qualità e classe e farà sempre bene, ne sono sicuro”. In merito alle plusvalenze: “Sono un uomo di calcio e di campo e sono felice quando un ragazzo arriva all’Atalanta e lo vedi crescere e andarsene in una grande squadra. Per la società è una valorizzazione. L’Atalanta è stata tirata in mezzo in modo molto errato in quell’ambito”. Infine l’allenatore dell’Atalanta ha concluso: “La classifica attuale è molto buona, ma è ancora tutto da giocare”.