CM.IT | Tomori fuori dai Mondiali: reazione forte del difensore del Milan

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:45

Il difensore del Milan non è stato convocato da Southgate: una decisione che sta facendo parlare tanto in Italia e in Inghilterra

Il prossimo weekend si giocherà l’ultimo turno di campionato, poi si potrà pensare esclusivamente ai Mondiali 2022. Queste sono le ore in cui i commissari tecnici delle squadre, che voleranno in Qatar, stanno diramando le liste dei convocati.

Milan, Tomori deluso: niente Mondiali
Fikayo Tomori ©LaPresse

Non sono mancate già le prime esclusioni eccellenti: Deschamps, ad esempio, ha deciso di lasciare a casa Maignan e Pogba, che non hanno offerto garanzie, dal punto di vista fisico. In Inghilterra, invece, queste sono le ore delle polemiche relative all’assenza di Fikayo Tomori tra i convocati di Southgate. Un’assenza, che sorprende nonostante la scarsa considerazione avuta dal ct inglese nell’ultimo periodo per il centrale del Milan.

Il classe 1997, vincitore di uno Scudetto con i rossoneri, infatti, è stato chiamato in causa, durante le partite di Nations League, solamente in una circostanza, contro l’Italia, lo scorso 11 giugno, giocando titolare per 88 minuti. Anche in estate, dunque, le scelte di Southgate, come appunto quella di escludere sistematicamente Tomori, oltre ai risultati deludenti, avevano mandato su tutte le furie i tifosi inglesi. I giornali hanno sempre criticato aspramente il ct, che, però, ha deciso di proseguire sulla propria strada.

Milan, niente Mondiali per Tomori: una scelta che non convince

Milan, Tomori deluso: niente Mondiali
Fikayo Tomori ©LaPresse

Tutti si aspettavano la chiamata di Tomori, anche solamente per completare il reparto ma così non è stato. La doppia sfida contro il Chelsea, in cui ha deluso, con prestazioni non all’altezza, ha evidentemente pesato più di quanto avesse dovuto. Nella conquista dello Scudetto, però, c’è anche la sua firma. Tomori da quando è al Milan è diventato uno dei migliori centrali in Serie A, ma a Southgate non è bastato. Il ct ha preferito fare altre scelte, puntando anche su elementi, che militano in Premier League, nonostante non stiano brillando ma che sono stati considerati superiori al difensore del Milan.

Come appreso da Calciomercato.it, Tomori è molto amareggiato e un pizzico deluso da tale scelta. L’essersi imposto in Italia non è dunque bastato; servirà farlo in Europa e da febbraio potrà iniziare a convincere Southgate, o chiunque sarà ct dell’Inghilterra, giocando gli ottavi di finale di Champions League, contro una squadra londinese, il Tottenham di Antonio Conte.