Inter, Zhang e Marotta in coro: “Futuro chiaro! Lukaku clamoroso”. Buco da 140 milioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:53

Convocato in data odierna l’Assemblea degli azionisti dell’Inter per approvare il bilancio dell’ultimo esercizio: le dichiarazioni del presidente Zhang, Marotta e Antonello

Giornata importante in casa Inter con la convocazione del CDA e dell’Assemblea degli azionisti per approvare il bilancio dell’ultimo anno, con una perdita di 140 milioni per il club di Suning.

Inter, Assemblea Zhang Marotta
Zhang, Marotta e Antonello in conferenza

Il comunicato dell’Inter al termine dell’Assemblea degli azionisti: “In continuità con la precedente, la stagione si è svolta all’interno di un contesto economico difficoltoso a causa dell’incertezza generata dall’emergenza sanitaria, con un graduale allentamento delle misure di contenimento del contagio solo nella seconda parte della stagione sportiva, e dalle crescenti tensioni internazionali nel 2022. Il Club ha evidenziato risultati che riprendono la progressione positiva iniziata nel periodo precedente la crisi pandemica, facendo segnare il nuovo record di fatturato e una importante riduzione delle perdite, e allo stesso tempo confermando la squadra al più alto livello di competitività, guadagnando la quarta qualificazione consecutiva alla UEFA Champions League, competizione in cui Inter ha raggiunto gli ottavi di finale per la prima volta dopo 10 anni, e aggiungendo due nuovi trofei al Palmares: la 8.a Coppa Italia e la 6.a Supercoppa Italiana”.

Continua il comunicato: “I risultati finanziari della scorsa stagione vedono una crescita di circa €75 milioni dei ricavi consolidati che si attestano a €439,6 milioni, da confrontare con i €364,7 milioni del bilancio precedente. Considerando dati comparabili, ovvero senza considerare nel bilancio 2020/2021 la coda della stagione 2019/2020 disputata ad anno finanziario successivo già iniziato, l’incremento nei ricavi è nell’intorno di €140 milioni. Il bilancio si chiude con una perdita di €140 milioni, ridotta di circa €105 milioni rispetto ai €245,6 milioni del 2021. L’Azionista di Maggioranza ha già manifestato il proprio impegno formale a sostenere il gruppo garantendone il supporto patrimoniale. Il Presidente Steven Zhang ha aperto i lavori dell’Assemblea rivolgendosi ai soci con un bilancio degli anni segnati dall’emergenza sanitaria e ribadendo la progettualità per il futuro del Club da parte dell’Azionista di maggioranza:

Al termine dell’Assemblea hanno preso la parole di il presidente Steven Zhang, l’amministratore delegato area sportiva Marotta e l’Ad finanziario Antonello“.

Inter, Assemblea azionisti Zhang
Zhang, Marotta e Antonello ©LaPresse

ZHANG – “In questo periodo così complesso sono cambiate tante cose, ma non il nostro amore per l’Inter e la nostra passione. Questi sono stati 3 anni difficili, ma li abbiamo affrontati insieme con determinazione e ambizione, vincendo tre titoli dopo 11 anni di attesa. Il futuro del club non è mai stato in discussione e la nostra visione per l’Inter è chiara. Il nostro impegno è a lungo termine, volto a garantire un futuro all’altezza della storia dei nostri colori. È necessario continuare su questa strada, spinti dall’ambizione sportiva, grazie alla passione dei nostri tifosi in tutto il mondo. È per loro che il club lotta per la seconda stella, per la vittoria su tutti i campi da gioco, e si impegna su tutti i tavoli istituzionali per assicurare un progetto di crescita sostenibile per questo settore”.

Zhang aggiunge: “Gli ultimi anni sono stati difficili ma li abbiamo affrontati sempre con ambizione. Abbiamo vinto tre titoli e riportato l’Inter dove le compete. Il nostro obiettivo è mantenere il club ad alto livello. Leggo che il futuro del club è incerto, ma come ho sempre detto l’impegno da parte nostra nel lungo periodo è sempre stato chiaro. Abbiamo dimostrato che siamo sulla strada giusta per portare il club verso nuovi successi. Puntiamo a un costante miglioramento dentro e fuori dal campo. Finché saremo qui all’Inter avremo sempre l’obiettivo di migliorare da ogni punti di vista: dai ricavi al fatturato, dalla competitività e ai risultati sportivi. Lo stadio non è idoneo per le nostre aspettative e ai tifosi per l’esperienza che meritano. Il progetto per il nuovo stadio è fondamentale nostra crescita e il nostro lavoro“.

Zhang si sbilancia sul rinnovo di Skriniar: “Troveremo un accordo”

Zhang sul mercato e futuro Skriniar: “Questa estate abbiamo mantenuto l’ossatura della squadra e tutti i nostri capisaldi. Se l’offerta è giusta bisogna pensare alla logica degli investimenti, in quanto management dobbiamo sempre considerare delle proposte importanti e con il ricavato costruire una rosa all’altezza, con degli ingaggi ponderati al valore dei giocatori. Per quanto riguarda Skriniar: sono sicuro che lui sappia il significato di questo club, Milan ama i nostri colori. Sono sicuro che riusciremo a trovare l’accordo migliore tra le parti, non mi preoccupa questa situazione“.

MAROTTA – “Parto dalla scorsa estate dove ci siamo concentrati sulla costruzione di una squadra che potesse lottare ai vertici, scegliendo un allenatore giovane ma già vincente. Inzaghi ha accettato la sfida con entusiasmo, umiltà e ambizione. Oggi ci sono due trofei insieme allo scudetto del 2021, una magnifica tripletta nel corso dell’anno solare che ci rende orgogliosi. Il campionato si è concluso in maniera diversa da come speravamo, abbiamo pagato purtroppo un appannamento finale. Il cammino ha portato il club a essere competitivo sempre nelle posizioni di vertice, come la impone la storia del club. Anche in questa stagione avevamo lo stesso duplice obiettivo, tra competitività sportiva e stabilità finanziaria. Sono state concluse operazioni in entrata e uscita mirate e importanti, colgo l’occasione per fare i complimenti al ds Ausilio e a tutti i componenti dell’area sportiva. Abbiamo garantito a mister Inzaghi maggiori soluzioni, tenendo conto di una stagione anomala, caratterizzata dall’imminente sosta per il Mondiale. Tra queste operazioni di mercato c’è anche il ritorno clamoroso di Lukaku“.

Marotta prosegue: “Ribadisco un ringraziamento alla nostra proprietà e al presidente Zhang, che ci hanno rimarcato il loro impegno caratterizzato da costanti immissioni economiche negli anni. L’altra notte abbiamo vissuto una serata memorabile, festeggiando la seconda qualificazione consecutiva agli ottavi di finale di Champions League, in un girone dove tutti ci davano per spacciati. Faccio i complimenti a Inzaghi e alla squadra, è la dimostrazione della forza che ha questo gruppo che vuole continuare la rincorsa in campionato e gennaio vincere la Supercoppa Italiana in Arabia”.

Marotta è chiaro sugli obiettivi in campo e le prossime strategie di mercato: “L’Inter deve cercare di fare il massimo per qualsiasi obiettivo e in tutte le competizioni. Non ci poniamo limiti, sappiamo che dobbiamo concorrere per vincere lo scudetto, la Coppa Italia e la Supercoppa. E a questo proposito vogliamo essere protagonisti in Europa e in una competizione imprevedibile come la Champions League. Nel mercato di gennaio non sempre arrivano giocatori di livello, noi abbiamo una rosa di altissimo valore e ben assemblata tra giovani e calciatori di esperienza. C’è il gusto mix, abbiamo un gruppo forte: o trovi giocatori più forti sul mercato e non è affatto facile, altrimenti si resta così. Rinnovi? Ne abbiamo ben otto e tutti meriterebbero la conferma. A temo debito affronteremo ogni situazione”.

ANTONELLO – L’ad finanziario fa chiarezza soprattutto sulla questione del nuovo stadio: “Nel percorso di posizionamento internazionale del brand il progetto più importante è quello del nuovo stadio. La conclusione del dibattito pubblico è prevista entro il mese di novembre, successivamente il Comune potrà chiedere eventuali modifiche al progetto. In caso di esito positivo del procedimento, si prevede per l’inizio del 2023 l’avvio della fase di progettazione, mentre i lavori partirebbero nel 2024. Stiamo lavorando in sintonia con il Milan, siamo contenti di poter collaborare con lo stesso management nonostante i cambi di proprietà. Anche noi siamo pronti a tutto: non appena avremo chiarezza su San Siro potremo definire la strategia, ma abbiamo ben chiare quelle che sono le nostre idee”.