Juric sente l’odore del sangue: “Ecco come faremo male alla Juve”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:26

Ivan Juric trova sul cammino del suo Torino la Juve e non ha alcuna intenzione di mollare la presa. Ecco le sue parole in conferenza stampa

Il Torino di Ivan Juric ha mostrato cose interessanti in quest’inizio di stagione, ma ancora manca quella scintilla decisiva per dare un senso ancora più importanti alle ambizioni granata.

Juric sente l'odore del sangue: "Ecco come faremo male alla Juve"
Juric ©LaPresse

I piemontesi, però, non hanno una pratica semplice da sbrigare, perché la Juve ferita può far male a chiunque e la figuraccia contro il Maccabi Haifa è stata storica e grida vendetta, con tanto di ritiro ordinato da Allegri. Dall’altra parte, Juric ha tutta l’intenzione di approfittare della situazione e, in conferenza stampa, l’ha detto senza mezzi termini: “Il Torino è concentrato e sul pezzo, ci teniamo a fare una grande partita e provare a vincere. L’anno scorso abbiamo sfiorato l’impresa, stavolta la vogliamo trovare“.

Poi ha parlato senza peli sulla lingua della Juve e del suo momento: “Teme i bianconeri? Avranno una forte spinta caratteriale: l’ambiente spesso riesce a compattarsi e in casi come questo i giocatori danno di più. Non so se la sconfitta di Champions sia una cosa buona o no per noi. Certamente hanno grandissimi giocatori che non stanno rendendo. Ci sono tratti nei quali esprimono potenza, accelerazioni e qualità”.

Juric in conferenza stampa fa partire l’assalto alla Juve

Juric sente l'odore del sangue: "Ecco come faremo male alla Juve"
Juric ©LaPresse

Il derby della Mole è unico e Juric lo sa. Il tecnico, rispondendo a precisa domanda, fa il punto su come ha vissuto lui le stracittadine: “Sono molto legato a Genova. E’ spettacolare e da giocatore mi andava molto bene. Là si sente molto di più la stracittadina”

E poi gli chiedono come si faccia a far male alla Juve e lui non ha dubbi: “Nell’ultima partita non hanno fatto bene, ma in quelle di prima erano diversi: a tratti fanno cose buone e a tratti non buone; quando ti va male gira tutto storto. Il Maccabi li ha fatti soffrire sulla trequarti e sui cross. Noi proveremo a fare il nostro gioco”.

Ancora sul derby: “È una partita squilibrata, ma l’anno scorso abbiamo fatto un secondo derby in cui siamo andati molto più vicini a vincere rispetto a loro. I giocatori non pensano a cosa è successo, è cambiato un po’ tutto e sono concentrati sul presente. Vogliono fare tutti bene e domani dobbiamo fare una grande partita”.