Pioli amareggiato per la sconfitta: “Certe cose le paghi a caro prezzo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:36

Stefano Pioli ha analizzato nel post partita la sfida contro il Chelsea persa a Londra per 3-0. Troppi errori: questo il tasto su cui ha battuto tanto l’allenatore 

Il Milan crolla in Champions League nella terza giornata della fase a gironi. Ko molto pesante in casa del Chelsea sotto i colpi di Fofana, Aubameyang e James che complicano ora il cammino europeo della squadra di uno Stefano Pioli amareggiato che nel post partita a ‘Prime Video’ ha parlato così: “Errori? E’ vero che in Champions non si possono commettere. Abbiamo forzato scelte che non andavano forzate. Abbiamo perso le distanze. E’ un peccato perché, al di là delle loro qualità, noi potevamo fare qualcosa in più. Non c’entra la poca esperienza, non c’entra chi non c’era. Bisognava essere più lucidi, nel recupero palla e nella aggressione bisognava fare meglio”.

Pioli dopo Chelsea-Milan: "Troppi errori"
Pioli screenshot

Pioli ha aggiunto: “Il secondo gol ha cambiato il nostro atteggiamento, la nostra mentalità. Non siamo riusciti a rimanere squadra come di solito facciamo. A questi livelli queste cose le paghi a caro prezzo”.

SOSTITUZIONI – “Serviva dare minutaggio a chi rientrava da infortuni, far riposare qualcuno che ha giocato tanto. Ora abbiamo una partita importante con la Juve, poi di nuovo il Chelsea: in un periodo con così tanti impegni e con qualche rotazione in meno mi sembrava la cosa giusta da fare”.

Concetti quelli relativi agli errori ribaditi anche ai microfoni di ‘Sky Sport’: “Dovevamo fare meglio. Chiaro che quando commetti tanti errori tecnici permetti ad avversari così di metterti in difficoltà. Credo che la squadra fosse pronta per giocare questo tipo di partita. C’erano gli spazi per essere più precisi e abbiamo concesso troppo campo agli avversari. Il secondo gol l’ha chiusa. Le sconfitte ci devono aiutare a crescere. Lo spogliatoio era giustamente deluso e arrabbiato, ma questo ci darà grande motivazione e spinta”.