Cristiano Ronaldo ‘prigioniero’: è successo ancora una volta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:00

Per Cristiano Ronaldo nuovo ostacolo all’esaudirsi del suo desiderio: tocca a ten Hag mettere i bastoni fra le ruote al portoghese

Non c’è pace per Cristiano Ronaldo. La stagione deludente di CR7 continua e per il fuoriclasse portoghese sembra che il suo desiderio debba continuare a restare inesaudito.

Ronaldo via a gennaio: ten Hag vuole il sostituto
Ronaldo © LaPresse

Il riferimento è all’ormai nota volontà di lasciare il Manchester United per approdare in un club che giochi la Champions League. Un desiderio che va avanti ormai dall’estate quando Ronaldo è stato proposto a diverse squadre senza che però si concretizzasse una vera trattativa. Colpa anche della volontà dei ‘Red Devils’ di non lasciarlo partire gratis e di ten Hag che non voleva vedere ridotte le alternative a sua disposizione in attacco.

Qualcosa dopo il pesante ko nel derby contro il Manchester City è cambiata. Il manager olandese è pronto a dare il suo via libera alla cessione già a gennaio di Ronaldo, anche se ad una condizione: l’arrivo di un sostituto.

Calciomercato Manchester United, ostacolo per l’addio di Ronaldo

ten Hag cambia idea: CR7 via solo con il sostituto
Ronaldo © LaPresse

Stando a quanto riferito da ‘ESPN’, infatti, ten Hag ha chiarito di essere aperto all’addio di Ronaldo soltanto se a gennaio arrivasse un sostituto. Qui le cose si complicano perché la dirigenza ha fatto presente all’allenatore che per il mercato invernale non c’è un grosso budget da cui attingere.

Questo il nodo che tiene ancora prigioniero Ronaldo allo United e che potrebbe stoppare ancora una volta l’addio del portoghese a Manchester. Prima di gennaio c’è il Mondiale al quale CR7 vuole arrivare al meglio, ma senza giocare sarà difficile. Per questo continua ad allenarsi con la massima professionalità, sperando che il tecnico gli dia un maggior minutaggio. Un altro mese e mezzo al massimo con i Red Devils prima di dedicarsi anima e corpo all’avventura iridata del Portogallo. Soltanto chiuso il torneo in Qatar ci sarà spazio per pensare al futuro e tornerà l’ossessione Champions. Sarà allora che proverà a chiedere nuovamente l’addio, sperando che spunti l’occasione giusta per il sostituto.