Inzaghi non si nasconde sull’esonero: “So che…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:15

È il momento di mettersi alle spalle i recenti problemi per l’Inter che domani sera sarà di scena a San Siro contro il Barcellona. A presentare la sfida di Champions ci pensa come di consueto Simone Inzaghi in conferenza 

L’Inter deve prontamente mettere in archivio l’ultimo ko contro la Roma arrivato sabato a San Siro in vista della super sfida di domani sera a Milano contro il Barcellona. L’avventura Champions dei nerazzurri passerà moltissimo dal doppio confronto al cospetto dei blaugrana, diretti concorrenti per un complicato passaggio agli ottavi.

Simone Inzaghi (screenshot)

Il momento non è dei migliori, ma Simone Inzaghi presenta come di consueto la partita in conferenza stampa. Le dichiarazioni del tecnico riportate da Calciomercato.it.

INFORTUNATI – “Lautaro stamattina ha fatto un esame dove non si è evidenziato nulla. È affaticato dopo la Roma e oggi farà un allenamento parziale, parlerò coi medici e valuteremo le sue condizioni. Sicuramente non ci saranno Brozovic e Lukaku, Lautaro e Gagliardini sono da valutare. Correa sta bene”.

MOMENTO – “Oggi analizzeremo la partita di sabato, poi andremo nel particolare per quanto riguarda il Barcellona. Veniamo da un momento difficile dal punto di vista dei risultati, a mio parere con la Roma abbiamo fatto una buona partita. Probabilmente per quello che si è visto in campo avremmo meritato altro”.

COME SI RIPARTE – “Con le vittorie, coi risultati. Domani sarà una grande opportunità, sapendo che incontriamo una squadra fortissima, una delle migliori in Europa. A Monaco ha perso immeritatamente, hanno qualità altissime in tutti i giocatori e noi dovremo fare una partita di corsa e aggressività. Da momenti come questi si esce con le vittorie”.

BARCELLONA – “Con Bayern Monaco e Manchester City per me è la squadra che gioca meglio in Europa. Sappiamo che siamo capitati in un girone proibitivo, ma siamo l’Inter e vogliamo giocarcela con tutte le nostre forze, a partire da domani”.

HANDANOVIC O ONANA – “Valuterò sempre di partita in partita. Domani in porta giocherà Onana”.

DYBALA E RISCHIO ESONERO – “Su Dybala io non ho deciso nulla. Siamo tutti in un’unica direzione da un anno e mezzo. C’è un confronto quotidiano. Si è fatta una scelta condivisa tutti insieme su Lukaku e Dybala. Per l’esonero, ho sempre detto che noi allenatori dipendiamo dai risultati. Ma ci sono abituato, il calcio è così”.