Camara ‘avvisa’ la Roma: “Ho un obiettivo. Prima ci giocavo solo alla Play…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:17

Giornata di presentazione per Mady Camara, ultimo acquisto della Roma nel calciomercato estivo che si è chiuso pochi giorni fa

Mady Camara, centrocampista guineano arrivato dall’Olympiacos negli ultimi giorni di calciomercato, si è presentato ufficialmente alla stampa. Una conferenza che non c’era stato tempo di organizzare con tutti gli impegni della Roma in queste settimane. E che ha reso particolarmente contento lo stesso Tiago Pinto, che ha aperto così: “Oggi sono doppiamente felice, sia perché presentiamo Camara, sia perché è l’ultima presentazione. C’è stato l’infortunio di Wijnaldum, abbiamo trovato la soluzione giusta per portare più alternative. Per Mady è una sfida importante, in questa settimana ha dato una buona risposta e ci darà una mano anche fuori dal campo, il suo atteggiamento è importante”.

camara roma pinto conferenza presentazione calciomercato.it 20220916
Tiago Pinto (Youtube)

Poi, dalla sala stampa di Trigoria, comincia a parlare Camara: “Cosa mi ha sorpreso di più della Roma fino ad ora? L’ambiente familiare che si respira qui. Non c’è nessuno in particolare che mi sta aiutando più di altri, mi hanno accolto tutti come un fratello. Tanti club si sono interessati a me, io avevo esitato e quando è arrivata la Roma non ho avuto dubbi. Ho subito deciso che volevo venire qui, sono qui per aiutare a dare tutto”. All’Olympiacos ha giocato con l’ex romanista Manolas: “Mi ha parlato benissimo della Roma, di quanto è grande questo club, del calore che si respira. L’Olympiacos ha una tifoseria magnifica, calda, quella della Roma non è da meno. Spero di essere accolto con lo stesso calore con cui sono stato accolto in Grecia”.

Roma, Camara e il futuro: “Prima ci giocavo con la playstation. Qui per restare a lungo”

camara roma conferenza presentazione calciomercato.it 20220916

Camara continua parlando anche di Jose Mourinho: “È motivo di grande orgoglio di essere al servizio di uno dei migliori allenatori della storia del calcio, se non il migliore. Sì, per me è una bella occasione, l’importante è lavorare e aiutare la squadra”. Il guineano è arrivato in prestito con diritto di riscatto legato a determinate condizioni e si trova davanti tanti grandi giocatori come Cristante, Matic, Pellegrini e Wijnaldum che comunque nel 2023 tornerà in campo. Non sarà facile trovare spazio per lui e magari convincere la Roma anche oltre giugno 2023. “ll mio obiettivo – risponde Camara alla considerazione dell’inviato di Calciomercato.it – è di restare a lungo, cercherò di lavorare con questo obiettivo. Questi campioni, metto anche Bove, sono giocatori con i quali spesso giocavo alla playstation e ora mi alleno con loro, è motivo di grande orgoglio. Da parte mia massima umiltà, mi metto a disposizione del club per aiutarlo”.

Poi sulle differenze col campionato greco: “Sono diversi, sia per tattica che intensità, ogni campionato ha una propria identità e cultura. Starà a me adattarmi, la squadra ha tutte le qualità per fare bene e io dovrò lavorare per mettere a disposizione le mie qualità. Le mie condizioni? Non sono ancora al 100%, ma sto lavorando giorno per giorno per raggiungere la forma adatta per aiutare la squadra. Non mi pongo limiti. Il mister mi spinge sempre a lavorare con intensità per aiutare i compagni a raggiungere le vittorie”.