PAGELLE e TABELLINO Juventus-Salernitana 2-2: disastro Cuadrado, Bonucci non salva Allegri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:52

Pagelle e tabellino di Juventus-Salernitana, match dell’Allianz Stadium valevole per la sesta giornata del campionato di Serie A. Rimonta bianconera con Bremer e Bonucci, finale ad alta tensione 

Succede di tutto nel finale di Juventus-Salernitana, con i bianconeri di Allegri che sfiorano nel recupero una clamorosa rimonta dopo il doppio vantaggio dei campani con Candreva e Piatek.

Juventus-Salernitana, pagelle e tabellino
Vlahovic in azione ©LaPresse

La ‘Vecchia Signora’ è senza idee e carattere nel primo tempo, ma reagisce nel finale trovando il pareggio con Bonucci. Serataccia per Cuadrado e Kean, l’arbitro e il VAR strozzano l’urlo in gola a Milik. Mazzocchi è una freccia sul lato mancino dello scacchiere di Nicola, Bremer si riscatta nella ripresa. Conferma per Miretti, Vlahovic ci prova ma non punge dalle parti di Sepe.

Le pagelle di Juventus-Salernitana: Mazzocchi è imprendibile, Vlahovic non punge

JUVENTUS

Perin 6 – Stavolta non si ripete dal dischetto sul penalty della Salernitana. E’ l’unico senza colpe della distratta retroguardia bianconera.

Cuadrado 4 – Primo tempo da incubo, sempre a rincorrere Mazzocchi. Lascia un’autostrada sul vantaggio ospite: liscio pagato a caro prezzo dai bianconeri. E le cose non migliorano certamente nel resto della contesa.

Bonucci 6 – Impreciso in fase di impostazione, patisce Dia quando l’attaccante senegalese lo punta. Sbaglia il rigore nel recupero, ma è lesto a ribadire in rete sulla respinta di Sepe.

Bremer 6 – Piatek è un osso duro e se ne accorge subito. Provoca il rigore sul tiro del polacco e in generale non dà sicurezza al reparto. Si riscatta nell’altra area firmando il suo primo gol in maglia juventina, incornando sotto la traversa sul traversone di Kostic.

De Sciglio 5 – Lascia praterie a sinistra. Distratto su Candreva, che indisturbato piazza il tap-in vincente (62′ Alex Sandro 6 – Si procura il rigore del pareggio).

McKennie 5 – Nè carne né pesce, troppo ibrido. Non riesce a trovare la giusta collocazione in campo e anche lui – come Cuadrado – viene sverniciato da Mazzocchi (84′ Soulé SV).

Paredes 5,5 – Parte bene, prendendo il controllo delle operazioni a centrocampo. Poi cala e manca l’intervento sul raddoppio dei granata.

Miretti 6,5 – L’unico a dimostrare di essere da Juve nel primo tempo e a suonare la carica. Sfiora per due volte il gol, nella prima occasione dopo una magia che fa fuori quattro avversari. Spreca troppe energie nei primi 45 minuti, calando il raggio d’azione a inizio ripresa (62′ Fagioli 6 – Buon impatto sul match, sfiora la rete del successo in pieno recupero).

Kostic 5,5 – Involuto e impreciso al cross, non incide sulla sinistra nella prima frazione. Prende coraggio nella ripresa e scodella per la testa di Bremer (78′ Danilo SV).

Kean 4,5 – Mai un guizzo, lento e impacciato. Delude anche da seconda punta: altra occasione sprecata. Fischiato dal pubblico, Allegri non può far altro che lasciarlo negli spogliatoi all’intervallo (46′ Milik 5,5 – Non carbura subito. Ci prova dal limite ma non trova il bersaglio grosso. Beffa finale: il VAR gli cancella il gol della vittoria e si becca pure il rosso per doppia ammonizione).

Vlahovic 5,5 – Si danna l’anima, alla ricerca di un pallone o di una giocata che possano metterlo in condizione di far male. Trova il gol ma è in fuorigioco, sbatte contro i difensori ospiti e si innervosisce come in altre occasioni.

All. Allegri 4,5 – La Juve di nervi riesce a rimontare il doppio svantaggio e quasi la porta a casa sulla rete del 3-2 successivamente annullata a Milik dal VAR. I bianconeri però perdono la bussola nel primo tempo, facendo peggio sul piano del gioco rispetto perfino alla trasferta di Genova con la Sampdoria. Mancano le idee e un’identità ben definita, alla fine sono due punti persi. Furente nel parapiglia finale, viene anche espulso.

Juventus-Salernitana, voti e tabellino
Juventus-Salernitana ©LaPresse

SALERNITANA

Sepe 7 – Doppio riflesso su Miretti nella prima frazione che evita ai padroni di casa di passare in vantaggio. Si ripete nel secondo tempo, stavolta su Vlahovic. Impresa a metà su Bonucci: beffato.

Bronn 6 – Arcigno e tosto da braccetto destro. Soffre però gli inserimenti di Miretti da quella parte.

Daniliuc 6,5 – E’ un muro nella prima frazione. Qualche incertezza quando la Juve va all’assalto dell’area campana, ma regge e dimostra personalità.

Fazio 6 – Per poco non rischia l’autogol. Se la cava grazie all’esperienza. Espulso anche l’argentino nel caotico finale.

Candreva 7 – Il classico gol dell’ex: piazza la zampata che apre il risultato. Sfrutta i gradi, guida i suoi in campo: punto di riferimento.

Coulibaly 6 – Fosforo e muscoli in mediana. Quando riparte dà ossigeno alla manovra dei suoi. Un po’ troppo morbido su Kostic nell’azione che porta alla prima rete della Juve.

Vilhena 5,5 – Qualità e tocchi preziosi per i compagni di squadra. Il suo contributo è sempre fondamentale. Nel finale la combina però grossa, atterrando ingenuamente in area Alex Sandro (99′ Sambia SV).

Maggiore 5,5 – Non sempre lucidissimo in mezzo al campo. Sbaglia una facile rifinitura nel primo tempo che avrebbe mandato in porta Piatek (81′ Kastanos SV).

Mazzocchi 7,5 – Fa il diavolo a quattro sulla sinistra, ubriacando Cuadrado e McKennie. Piazza l’assist d’oro per l’1-0 di Candreva, spina nel fianco sul lato destro della Juventus.

Dia 6,5 – Mobile, svaria lungo tutto l’arco offensivo della Salernitana. I difensori bianconeri fanno fatica a leggere i movimenti del frizzante senegalese (81′ Bonazzoli SV).

Piatek 7 – Si sacrifica per i compagni, si butta su ogni pallone sporco ed è utilissimo nel gioco di sponda. Si guadagna e realizza con freddezza il rigore che porta la squadra di Nicola sul doppio vantaggio (61′ Botheim 6 – Apporto prezioso alla causa; 99′ Gyomber SV).

All. Nicola 7 – Salernitana senza timori reverenziali e che ammutolisce l’Allianz nel primo tempo grazie alle reti di Candreva e Piatek. Il sogno di sbancare lo Stadium sfuma nel recupero sul penalty trasformato in due tempi da Bonucci. Alla fine rischia anche di perderla, ma avrebbe meritato maggior fortuna.

Arbitro: Marcenaro 4,5 – Non vede in tempo reale il braccio di Bremer sulla conclusione di Piatek: il VAR per sua fortuna gli viene in soccorso. Recupero incandescente, dove non riesce a tenere il polso della situazione. Restano tanti dubbi sulla rete annullata a Milik.

TABELLINO

JUVENTUS-SALERNITANA 2-2
19′ Candreva; 49′ rig. Piatek; 51′ Bremer (J); 92′ Bonucci (J)

Juventus (4-4-2): Perin; Cuadrado, Bonucci, Bremer, De Sciglio (62′ Alex Sandro); McKennie (84′ Soulé), Paredes, Miretti (62′ Fagioli), Kostic (78′ Danilo); Kean (46′ Milik), Vlahovic. A disposizione: Pinsoglio, Garofani, Gatti, Rugani, Iling-Junior. Allenatore: Allegri

Salernitana (3-5-2): Sepe; Bronn, Daniliuc, Fazio; Candreva, Coulibaly, Vilhena (99′ Sambia), Maggiore, Mazzocchi (81′ Kastanos); Dia (81′ Bonazzoli), Piatek (61′ Botheim; 99′ Gyomber). A disposizione: Fiorillo, De Matteis, Bradaric, Valencia, Capezzi, Motoc, Iervolino, Pirola. Allenatore: Nicola

Arbitro: Marcenaro (sez. Genova)
VAR: Banti
Ammoniti: Paredes (J), Kean (J), Maggiore (S), Bremer (J), Piatek (S), Milik (J)
Espulsi: Milik (J), Cuadrado (J), Fazio (S), Allegri (J, dalla panchina)
Note: recupero 3′ e 12′; spettatori 35.097 per un incasso di 2.010.987 euro