Cristiano Ronaldo fatto fuori: il tradimento è una sentenza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:03

Non si placano le voci su Cristiano Ronaldo, rimasto in Premier League al Manchester United questa estate: CR7 ‘cacciato’, è tradimento

Estate alquanto complicata quella vissuta da Cristiano Ronaldo. Il fuoriclasse portoghese aveva lanciato segnali chiari, che evidenziavano la propria voglia di lasciare il Manchester United e trovare una nuova destinazione. Il motivo? Giocare la Champions League, la massima competizione che CR7 sente ancora sua in un modo o nell’altro. In Champions il campione di Madeira ha messo a referto record su record e una cosa è certa: non è ancora sazio.

Cristiano Ronaldo fatto fuori: il tradimento è una sentenza
Ronaldo © LaPresse

Alla fine, però, si è dovuto arrendere alla dura realtà. Nessun club in corsa per la conquista della coppa dalle grandi orecchie, tantomeno le big europee, si è interessato concretamente all’acquisto dell’attaccante ex Juventus. Nelle scorse settimane si era parlato di Chelsea e Bayern Monaco, ma sia i ‘Blues’ che i bavaresi hanno preferito concentrarsi su altri obiettivi. Il potente agente, Jorge Mendes, si è mosso fin dall’inizio della sessione estiva di calciomercato per trovare una piazza che potesse soddisfare Ronaldo.

E ha puntato il mirino anche in Serie A, avviando discorsi con Milan e, soprattutto, Napoli. In particolare, aveva preso corpo la suggestione riguardante uno scambio con Osimhen, previa ricca offerta da parte dei ‘Red Devils’ da almeno 100 milioni di euro. Cifra che, poi, lo United ha preferito spendere per assicurarsi le prestazioni di Antony dall’Ajax.

Tradimento a Cristiano Ronaldo: i compagni preferiscono Rashford

Cristiano Ronaldo fatto fuori: il tradimento è una sentenza
Ronaldo © LaPresse

Ronaldo, dunque, è obbligato ad aiutare la compagine inglese ad andare fino in fondo in Europa League, anche se la prima uscita contro la Real Sociedad all’Old Trafford si è tramutata in una sconfitta (e Ronaldo era in campo da titolare). Senza dubbio non è la miglior situazione possibile per CR7, il quale non è neanche visto benissimo all’interno dello spogliatoio.

A tal proposito, stando a quanto riferisce ‘The Sun’, i giocatori pare pensino che la squadra giri meglio con Rashford nel ruolo di centravanti, piuttosto che Ronaldo appunto. Il parere dei compagni può certamente influenzare le scelte di mister Erik ten Hag nei mesi a venire. Anche perché il mister olandese ha già dimostrato ampiamente di non vedere il portoghese come un elemento centrale da schierare sempre dall’inizio.