“Imbarazzante, non all’altezza”, sprofondo Inter: non si salva nessuno

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:00

Commenti impietosi sulla prestazione dell’Inter contro il Bayern Monaco in Champions League, bocciature a raffica per i nerazzurri

Il giorno dopo, l’Inter si lecca le ferite per la sconfitta contro il Bayern Monaco in Champions League. Un esordio stagionale amaro in Europa per i nerazzurri, battuti nettamente dal punto di vista del punteggio e della prestazione, che ha fatto emergere numerose criticità.

"Imbarazzante, non all'altezza", sprofondo Inter: non si salva nessuno
D’Ambrosio consolato dopo l’autogol in Inter-Bayern © LaPresse

La squadra di Simone Inzaghi non partiva certo con i favori del pronostico, e questo è vero, contro i bavaresi, ma in campo è stato fatto troppo poco per opporsi allo strapotere degli uomini di Nagelsmann, che hanno dimostrato una superiorità piuttosto netta. Inter che solo a sprazzi è riuscita a creare qualche grattacapo agli avversari e che a questo punto deve interrogarsi per il prosieguo di una stagione nata non proprio sotto i migliori auspici. Siamo già a tre ko in sei uscite ufficiali e nelle ultime quattro gare giocate, occorre una inversione di tendenza piuttosto netta ma il momento è complicato e il compito di Inzaghi si prospetta arduo. I commenti del giorno dopo, sulla sua squadra, sono tutt’altro che lusinghieri.

Inter, bocciatura totale per Dumfries: “Giocatore inutile”

"Imbarazzante, non all'altezza", sprofondo Inter: non si salva nessuno
Denzel Dumfries © LaPresse

L’editoriale di Mario Sconcerti, sul ‘Corriere della Sera’, tratteggia un quadro piuttosto impietoso, con critiche generalizzate e in cui è difficile salvare qualcosa di quanto accaduto a San Siro. “L’Inter ha avuto poche fasi di partita per dare qualcosa, la differenza è sempre stata tanta e a tratti imbarazzante con il Bayern – si legge – Più qualità individuale, organizzazione e soprattutto velocità. E’ stata un’Inter volenterosa ma impotente. Il migliore forse è stato Mkhitaryan. Il più inutile Dumfries, né ala né aiuto a centrocampo. L’Inter ha compiuto molti errori, la lezione da imparare rispetto al grande calcio europeo è questa: nel suo forcing il Bayern non perdeva mai equilibrio, costringendo i nerazzurri a coprire sempre. La partita è stata lineare ed è finita nel modo più normale in cui poteva finire. E’ un’Inter che non è all’altezza che si sperava. Anche in Onana, che si trova in una squadra che non sa ancora guidare”.