Leao è straripante: il tempo stringe, Cardinale non ha alternative

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:34

Super Rafael Leao. Il portoghese dimostra di essere il miglior giocatore del Milan: ora serve il rinnovo. Palla a Gerry Cardinale

E’ iniziata ufficialmente con una vittoria nel derby l’avventura di Gerry Cardinale al Milan. Il nuovo proprietario del club rossonero – il closing è stato siglato lo scorso 31 agosto – è stato per la prima volta a San Siro, gustandosi lo spettacolo, che solo un match come Milan-Inter può dare.

Milan, Leao va blindato: palla a Cardinale
Rafael Leao ©LaPresse

La partita è stata davvero ricca di emozioni, dal primo all’ultimo minuto. Il numero uno di Red Bird sarà certamente soddisfatto della prova del suo Milan. Oggi incontro con la squadra: complimenti per tutti, nessuno escluso ma è evidente che Rafael Leao merita attenzioni particolari.

L’attaccante è stato il protagonista assoluto di Milan-Inter. I nerazzurri, passati in vantaggio, con Brozovic, hanno dovuto, poi, fare i conti con l’urugano portoghese, davvero imprendibile. Milan Skriniar e de Vrij non sono riusciti a contenerlo e così, Leao ha prima segnato con un super sinistro, poi di destro, dopo essersi liberato, in bello stile, dei difensori nerazzurri. Nel mezzo anche un assist per la rete di Olivier Giroud.

Calciomercato Milan, rinnovo Leao: la palla passa a Cardinale

Milan, Leao va blindato: palla a Cardinale
Gerry Cardinale e Paolo Maldini ©LaPresse

Leao è stato straripante, davanti agli occhi attenti di quasi 75 mila spettatori. Tra questi, come detto, c’era anche Gerry Cardinale, che avrà preso appunti. Il rinnovo del portoghese è il primo vero grande banco di prova per il numero uno di Red Bird.

Il proprietario del Milan dovrà essere bravo ad accontentare il suo fuoriclasse, mettendo sul piatto tanti soldi. Il prolungamento di Leao darebbe un segnale chiaro in merito alle ambizioni della nuova proprietà. Cardinale ne è consapevole: la volontà del Milan, come più volte detto, è quella di trattenere il campione portoghese. Ora, però, serve davvero il rinnovo. Il contratto scadrà nel 2024 e il tempo sta per scadere. Perderlo a zero non sarebbe accettabile.

A gennaio era stato trovato una base d’accordo sui 4,5 milioni di euro netti a stagione ma il cambio di proprietà e le note vicissitudini legate allo Sporting hanno rallentato il tutto. Ora servono 7/7,5 milioni di euro netti. Tanti soldi è vero ma Leao sta dimostrando di valerli tutti. Serve uno sforzo importante ma il Decreto Crescita viene in aiuto. Serve alzare l’asticella, anche con gli stipendi, se si vuole continuare a crescere. La palla dunque passa a Cardinale. Le squadre che lo vogliono e che hanno mostrato interesse non mancano ma il Milan per il portoghese è ancora la priorità.