Batosta Uefa: UFFICIALI le sanzioni per Milan, Inter, Juventus e Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:33

Fair Play Finanziario, batosta dalla Uefa: ecco le sanzioni per Milan, Inter, Roma e Juventus

L’Uefa ha ufficializzato le sanzioni per il Fair Play Finanziario: tra le squadre italiane sanzionate, ci sono Inter, Juventus, Milan e Roma. La Prima Camera del CFCB ha concluso accordi transattivi con otto club che hanno concordato un totale di 172 milioni di euro in contributi finanziari, obiettivi specifici e restrizioni sportive condizionate e incondizionate nei prossimi anni.

Fair Play Finanziario Uefa, Inter sanzionata
Zhang e Marotta ©LaPresse

“La Prima Sezione del Club Financial Control Body (CFCB), presieduta da Sunil Gulati, ha annunciato oggi una serie di decisioni che coinvolgono i club che hanno partecipato alle competizioni UEFA per club 2021/22”, si legge nella nota della UEFA. “La Prima Sezione del CFCB ha rilevato che AC Milan (ITA), AS Monaco (FRA), AS Roma (ITA), Beşiktaş JK (TUR), FC Internazionale Milano (ITA), Juventus (ITA), Olympique de Marseille (FRA) e Paris Saint-Germain (FRA) non ha rispettato il requisito del break-even”.

L’analisi ha riguardato gli esercizi 2018, 2019, 2020, 2021 e 2022. Gli esercizi 2020 e 2021 sono stati oggetto delle misure di emergenza Covid volte a neutralizzare gli effetti negativi della pandemia. In base a queste misure, gli esercizi finanziari 2020 e 2021 sono stati valutati come un unico periodo e ai club sono stati concessi adeguamenti specifici per il covid-19 e per calcolare la media del disavanzo combinato del 2020 e del 2021.

Questi otto club hanno accettato un contributo finanziario di 172 milioni di euro. Tali importi saranno trattenuti da eventuali entrate che questi club guadagnano dalla partecipazione alle competizioni UEFA per club o pagati direttamente. Di tale importo, 26 milioni di euro (15%) saranno interamente pagati mentre il saldo residuo di 146 milioni di euro (85%) è condizionato al rispetto da parte di questi club degli obiettivi indicati nel rispettivo accordo transattivo.

Uefa, ecco le sanzioni per i rispettivi club

Le sanzioni ai singoli club
Club – Importo totale – Importo incondizionato
AS Monaco (FRA) 2 milioni di euro 0,3 milioni di euro
Olympique Marsiglia 2 milioni di euro 0,3 milioni di euro
Beşiktaş JK (TUR) 4 milioni di euro 0,6 milioni di euro
Milan (ITA) 15 milioni di euro 2,0 milioni di euro
Juventus (ITA) 23 milioni di euro 3,5 milioni di euro
FC Internazionale Milano (ITA) 26 milioni di euro 4,0 milioni di euro
AS Roma (ITA) 35 milioni di euro 5,0 milioni di euro
Paris Saint-Germain (FRA) 65 milioni di euro 10,0 milioni di euro

Roma, sanzione dalla Uefa
Dan Friedkin ©LaPresse

Il quadro dell’accordo transattivo, prosegue il comunicato, è identico per tutti i club. Gli accordi transattivi coprono un periodo di 3 o 4 anni. Il loro scopo è accompagnare i club nel periodo di transizione tra i “vecchi” regolamenti sulle licenze per club e sul fair play finanziario – Edizione 2018 e i nuovi Regolamenti sulle licenze per club e sulla sostenibilità finanziaria – Edizione 2022 che saranno implementati in un approccio graduale come dall’esercizio finanziario 2023. L’obiettivo dei club è quindi quello di soddisfare pienamente i requisiti di stabilità, come definiti nel Regolamento UEFA Club Licensing and Financial Sustainability – Edizione 2022 al termine dell’accordo transattivo.

In base all’accordo transattivo di 3 anni, i club si impegnano a rispettare la regola del guadagno calcistico durante la stagione 2025/26. Si impegnano a raggiungere obiettivi annuali intermedi e all’applicazione di misure finanziarie e sportive condizionate qualora tali obiettivi non fossero raggiunti.

L’accordo transattivo di 4 anni si differenzia in quanto prevede una stagione aggiuntiva per conformarsi alla regola degli utili calcistici, ma include restrizioni sportive incondizionate sulla registrazione di nuovi giocatori applicabili a partire dalla stagione 2022/23. AS Roma e FC Internazionale Milano hanno optato per un accordo transattivo di 4 anni mentre tutti gli altri club hanno optato per un periodo di 3 anni.