Appena arrivati e subito esclusi: Pioli li lascia fuori insieme a Ibra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:50

Chiuso il mercato in entrata in Serie A, tocca alle liste: Pioli ha pronte delle decisioni drastiche e non solo per Ibra

Chiuso il calciomercato di Serie A ieri alle 20, in entrata non potranno esserci altri colpi per le italiane. Anche se le cessioni sono ovviamente ancora possibili in quelle federazioni dove la sessione è ancora aperta, vedi la Turchia, il Portogallo, il Belgio o la Grecia. Sulla carta c’è quindi ancora qualche giorno di tempo per poter eventualmente alleggerirsi di qualche esubero. Molte squadre hanno delle rose extra-large e gli allenatori si trovano già da subito a gestire scelte complicate.

pioli milan lista uefa thiaw ibrahimovic vranckx calciomercato.it 20220902
Pioli © LaPresse

Sì, perché oggi c’è la scadenza – come di consueto il giorno dopo la fine del mercato – per la consegna delle liste Uefa. Le squadre che giocano in Europa entro stasera dovranno appunto comunicare l’elenco dei giocatori, per cui accadrà in ogni caso che qualcuno rimarrà escluso. Magari anche qualche scelta clamorosa. Come quella a cui va incontro Stefano Pioli. L’allenatore del Milan si è visto allungare sensibilmente la rosa, con tante alternative a disposizione in tutti i reparti. Difesa e centrocampo sono stati sistemati, ma a fare le spese dell’abbondanza potrebbe essere anche più di un nuovo acquisto.

Milan, pronta la lista Uefa: fuori Ibrahimovic, ma servono delle esclusioni eccellenti

pioli milan lista uefa thiaw ibrahimovic vranckx calciomercato.it 20220902
Thiaw © LaPresse

Partiamo da quelle che saranno le esclusioni certe. La prima e inevitabile è Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese è ancora infortunato, tornerà verosimilmente nel 2023, quando ovviamente si potrà modificare la lista e provvedere – si spera per i rossoneri, ovviamente – ad aggiungerlo. Out anche Bakayoko, che è fuori dal progetto tecnico del Milan ma che alla fine è rimasto senza nessuna interruzione dell’accordo né con il Diavolo né con il Chelsea. Poi partono i ballottaggi, non semplici da sciogliere. Da 29, tolti Ibra e Bakayoko, ne restano quindi 27 con altri quattro da escludere. Dei 25 slot a disposizione, infatti, il Milan potrà occuparne solo 23 non avendo quattro elementi cresciuti nel proprio vivaio e neanche quattro cresciuti in Italia.

A rischiare è sicuramente Tatarusanu, con Mirante inserito in lista come giocatore formato nel nostro paese. Molto in bilico anche Ballo-Toure e il nuovo acquisto Thiaw. Per il difensore nato in Germania vale lo stesso discorso del portiere romeno: il quarto difensore sarebbe Gabbia, che andrebbe in lista come terzo giocatore formato nel club. Poi un ballottaggio a due o tre: Adli, Vranckx e Krunic. Se il bosniaco non starà fuori troppo a lungo e darà garanzie fisiche, allora a rischiare saranno gli altri due. Con meno chance di rientrare in lista per il francese, visto che Vranckx può ricoprire con più facilità sia la mediana che la trequarti.