Milan, Gazidis e la rivelazione su Maldini: “È successo anche con l’ultimo rinnovo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:52

Ivan Gazidis torna a farsi sentire e non fa mancare parole importanti riguardo Paolo Maldini, confermato al Milan negli scorsi mesi. Ecco le sue dichiarazioni

Ivan Gazidis non si mette tanto in mostra, né ama la luce dei riflettori, ma per questo Milan è elemento fondamentale dal punto di vista organizzativo e decisionale.

Milan, Gazidis e la rivelazione su Maldini: "È successo anche con l'ultimo rinnovo"
Gazidis © LaPresse

Non a caso è amministratore delegato e direttore generale del club campione d’Italia. E, quindi, se parla lui, c’è da ascoltare cos’ha da dire. Nelle ultime ore, è tornato a farlo ed esprimendo parole importanti per Paolo Maldini, in un’intervista a ‘Repubblica’ nell’inserto di Affari&Finanza. Gazidis torna a parlare dell’ultimo rinnovo, ma anche della storia da dirigente rossonero dell’ex difensore: “Non credo servano parole per descrivere il valore culturale e manageriale che Paolo Maldini e Frederic Massara, e quindi la combinazione del lavoro dei due, hanno portato al Milan”. Poco dopo ricorda: “Maldini l’ho assunto io e non una sola volta, ma due o tre volte. È successo anche con l’ultimo rinnovo, sul quale ho espresso un parere favorevole alla nuova proprietà“. Maldini, insomma, viene promosso come dirigente e ci mancherebbe, visto i risultati che è riuscito a conseguire nel suo percorso a Milano.

Milan, Gazidis a 360 gradi: da Maldini a Pioli

Milan, Gazidis e la rivelazione su Maldini: "È successo anche con l'ultimo rinnovo"
Gazidis e Pioli © LaPresse

Gazidis non manca, inoltre, di ricordare il percorso di Stefano Pioli sulla panchina rossonera: “Ha grande capacità di comprensione del calcio moderno, grandi capacità umane, totale focalizzazione sul lavoro, senza un lamento né una polemica“. E come non ricordare l’estate decisiva in cui il tecnico ex Lazio e Inter doveva essere sostituito da Ralf Rangnick. Gazidis svela un retroscena: “A Pioli avevo detto: ci saranno mille voci e speculazioni, ma quel che accadrà a fine anno dipenderà solo dalle tue performance. Di sicuro, era responsabilità del club valutare delle alternative. Poi i risultati sono arrivati e la sua conferma è venuta naturale“. E, a questo punto possiamo dirlo con certezza, per la gioia dei tifosi rossoneri che sono riusciti a sollevare al cielo lo scudetto, dopo anni di astinenza. Insomma, il progetto va avanti e il Milan vuole imporsi ancora una volta come protagonista, in Italia come in Europa, con un’architrave solida e ben composta dalla dirigenza alla panchina.