Nove gol in due partite: il tecnico è già sotto esame

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:41

Si è chiusa anche la penultima giornata di campionato con la larga vittoria del Napoli per 2-5 in trasferta contro il Verona

Nonostante le turbolenze estive causate da alcune cessioni eccellenti, il Napoli di Luciano Spalletti contro il Verona ha dimostrato già alla prima giornata di campionato di poter tornare a lottare nuovamente per i vertici della classifica. Subito una grande risposta da parte dei nuovi acquisti, trascinati da un superlativo Kvaratskhelia.

Gabriele Cioffi ©LaPresse

A farne le spese, però, è stato il Verona di Gabriele Cioffi. L’ex tecnico dell’Udinese, dopo la pesante sconfitta di Coppa Italia per 4-1 contro il Bari, non ha iniziato nel migliore dei modi il nuovo campionato. Alla vigilia del match era stato lo stesso tecnico ad allontanare le voci circa un possibile esonero rispondendo così in conferenza stampa: “Alcune notizie vengono create per destabilizzare, o perché sono vere. A me cambia poco perché so di essere vincolato ai risultati e devo vincere le partite. Ma questa cosa non ci ha toccato”.

Sembra effettivamente prematuro parlare di addio dopo aver avuto l’opportunità di disputare solamente due partite ufficiali e con un mercato ancora aperto. A tal proposito, non è un mistero che tra Cioffi e la dirigenza nelle ultime settimane vi sia stata una certa divergenza di vedute, con il tecnico che anche nella giornata di ieri ha lanciato un appello deciso: “C’è bisogno di 3-4 acquisti, e sono sicuro che la società non ci deluderà”.

Verona, Cioffi sotto esame dopo il pesante ko

Gabriele Cioffi © LaPresse

Le nove reti subite nelle due partite ufficiali tra Coppa Italia e campionato mettono subito in salita la nuova avventura dell’allenatore sulla panchina del Verona. Dopo l’ottimo campionato disputato la scorsa stagione ad Udine, ovviamente le aspettative nei suoi confronti erano piuttosto alte. Va anche aggiunto che sino a questo momento il mercato non ha sicuramente aiutato la crescita della squadra.

Al contrario, come sottolineato dallo stesso Cioffi anche nel post-partita di pochi minuti fa, la rosa non è ancora al completo dopo le cessioni di Caprari e Simeone e da qui a fine agosto dovranno arrivare calciatori di un certo calibro. Questa la nuova sottolineatura verso la società dell’allenatore: “Siamo un cantiere aperto, aspettiamo calciatori di esperienza che portino valore alla squadra”.