“Abbiamo le lacrime agli occhi”: per la Juventus è una conferma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:26

La Juventus incassa una conferma molto importante, il tecnico non nasconde il dispiacere: “Abbiamo le lacrime agli occhi”

Ci siamo, la Juventus è pronta ad accogliere Filip Kostic. Il 29enne esterno offensivo serbo è atteso domani in Italia per sostenere le visite mediche e firmare il contratto che lo legherà alla società bianconera.

Allegri
Massimiliano Allegri © LaPresse

Affare da 18 milioni di euro, cifra che include anche i bonus. Allegri avrà presto quindi uno dei rinforzi richiesti per completare la squadra, in attesa degli altri colpi con priorità al centrocampista, ma con anche un altro attaccante da garantire. In questo caso il nome caldo è quello di Depay con il quale proseguono i contatti per un biennale con ingaggio da cinque milioni a stagione.

Tornando a Kostic sono da registrare le parole del tecnico dell’Eintracht Oliver Glasner che confermato la chiusura dell’operazione e raccontano quanto il serbo fosse importante per la formazione tedesca.

Calciomercato Juventus, l’Eintracht saluta Kostic

Kostic
Filip Kostic © LaPresse

Nella conferenza stampa alla vigilia della sfida di Supercoppa europea contro il Real Madrid, l’allenatore del club rossonero non ha nascosto il dispiacere per la cessione di Kostic. “Abbiamo le lacrime agli occhi – le sue parole – perché ha segnato 22 gol la scorsa stagione, il suo impatto è stato enorme. Non è mai bello perdere un giocatore così”.

Glasner ammette che l’addio di Kostic indebolisce la squadra: “Siamo più deboli senza di lui: lo scorso anno c’è stato un periodo in cui non voleva giocare, poi parlandogli è tornato in campo. Gli ho detto che sarebbe andato via da eroe – svela l’allenatore – ed è quello che è accaduto. Per lui sono felice”. Ora per l’Eintracht si apre un nuovo capitolo: “Nei prossimi mesi forse dovremmo pensare al cambio di modulo. Ieri sera era chiaro che avrebbe lasciato la squadra. Tutto è accaduto velocemente: dopo la partita con il Bayern, ero convinto che avrebbe giocato contro il Real ma alla fine non sarà così. Quando se ne va un calciatore, è sempre un’occasione per un altro. Preferisco concentrarmi sulle opportunità – ha concluso il tecnico – più che vedere le mancanze. Approfittiamo di questa opportunità”.