Calciomercato, Maldini lo chiama: al Milan con lo ‘sconto’

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:39

Il Milan vorrebbe potenziare il reparto difensivo e continua a tenere il mirino puntato su un importante calciatore: videochiamata con Paolo Maldini

Dopo Charles De Ketelaere, Stefano Pioli attende altri rinforzi. Paolo Maldini e Frederic Massara continuano a lavorare alacremente per accontentare il tecnico e potenziare il più possibile la rosa del Milan. Sfumato ufficialmente il colpo Renato Sanches, andato ufficialmente al Paris Saint Germain, la dirigenza sta mettendo in secondo piano al momento il centrocampo.

Milan N'Dicka Eintracht Maldini
Maldini © LaPresse

Piuttosto, come noto, i rossoneri riflettono in maniera più approfondita sull’acquisto di un difensore. C’è, infatti, l’intenzione di aggiungere una pedina di spessore alla retroguardia. Prosegue, in tal senso, il casting: da Tanganga a Diallo, diversi i profili che stuzzicano il ‘Diavolo’. Nella lista dei desideri, inoltre, è presente anche il nome di Evan N’Dicka, centrale in forza all’Eintracht Francoforte reduce dalla conquista dell’Europa League. Un mancino di tutto rispetto, classe ’99, che potrebbe senz’altro dare un gran contributo ai lombardi. Il club di Via Aldo Rossi pare faccia sul serio: stando a quanto riferisce ‘Bild’, il direttore tecnico Maldini sarebbe stato più volte in contatto in videochiamata col calciatore.

Calciomercato Milan, videochiamata Maldini-N’Dicka: possibile ‘sconto’

Milan N'Dicka Eintracht Maldini
N’Dicka © LaPresse

Segno chiaro di come si tratti di una pista abbastanza calda, anche se al momento il Milan non ha ancora presentato un’offerta ufficiale. I tedeschi, dal canto loro, vorrebbero almeno 20 milioni di euro per cedere il proprio gioiello. Ma la scadenza del contratto di N’Dicka è prevista per giugno 2023 e, visto che il rinnovo appare alquanto improbabile, c’è il forte rischio di una dolorosa perdita a parametro zero. Eventualità che l’Eintracht non intende prendere in considerazione, come testimoniato dalle parole del direttore sportivo Krosche: “Non è nostro obiettivo lasciare andare i giocatori gratuitamente“. Di conseguenza, il Milan ha il coltello dalla perte del manico e potrebbe assicurarsi le prestazioni del francese di origini camerunesi a cifre inferiori.