Conte prende tempo: Allegri non può fallire alla Juventus

Antonio Conte è al lavoro per la sua seconda stagione sulla panchina del Tottenham. Non ha fretta o ansia di rinnovare il contratto 

Nel corso della passata stagione Antonio Conte ha raccolto la sfida del Tottenham, riuscendo a portare gli ‘Spurs’ in Champions League nonostante la folta concorrenza. Una grande cavalcata che ha portato i londinesi a chiudere a 71 punti arrivando ad un quarto posto che dal punto di vista sia economico che delle ambizioni collettive vale molto.

Conte non ha fretta di rinnovare: intreccio Juve-Allegri
Antonio Conte ©LaPresse

Ora il tecnico italiano è al lavoro da diverse settimane con la squadra per arrivare nelle migliori condizioni possibili alle prime gare ufficiali. A tenere banco in casa Tottenham è però anche il futuro sul medio lungo periodo dello stesso Antonio Conte che storicamente vive senza particolare ansia la sua situazione contrattuale. A tal proposito spesso ha anche sviato le domande in merito con tanto di dichiarazioni sibilline in mero al suo destino. Il progetto estivo degli Spurs sta però procedendo bene e le nubi sembrano diradate anche se sul lungo periodo non c’è chiarezza.

Calciomercato, Conte non ha fretta di rinnovare: “Ho bisogno di entusiasmo e passione per questo ruolo”

Conte non ha fretta di rinnovare: intreccio Juve-Allegri
Conte © LaPresse

Il contratto di Conte col Tottenham ha scadenza 2023 e come evidenziato a ‘Football.london’, in merito alla possibilità di prolungare, si tratta di un uomo che non è concentrato sui contratti ma ha bisogno di provare quell’eccitazione. Con un solo anno ancora di accordo andrà trovata un’intesa comunque possibile seppur non prioritaria al momento come sottolineato dall’ex interista: “Nella mia carriera il contratto non è mai stato importante. Non ho avuto bisogno di firmare contratti per uno, due o tre anni. Per il club poteva anche essere un peso. Sono felice. Stiamo lavorando molto bene insieme. Non è che un anno di contratto in più o in meno possa cambiare la situazione. Ho bisogno di entusiasmo e passione per questo ruolo”.

Seppur la situazione a Londra ora appaia tranquilla, Conte non ha quindi alcuna intenzione di forzare i tempi, e non sembra minimamente mosso dalla volontà immediata di andare a rinnovare il contratto. Il tecnico sostanzialmente prende tempo sul suo futuro, magari anche per avere meglio il polso della situazione generale. In Italia infatti c’è sempre la sua ex Juventus, a cui in passato è stato anche riaccostato, che avrà l’obbligo di lottare per vincere. Allegri infatti non può permettersi un’altra annata di passaggio anche per evitare brutte sorprese in panchina.