Allarme alla Juventus: “Non mi fido di Bonucci”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:59

La Juventus è una delle grandi protagoniste dell’attuale sessione di calciomercato, ma c’è chi non è comunque convinto del tutto. Arriva la bocciatura per Bonucci

La Juventus si appresta a iniziare la nuova stagione e in molti le attribuiscono i favori del pronostico. E ci mancherebbe, perché a tal proposito si è esposto anche Massimiliano Allegri: l’obiettivo è lo scudetto.

Allarme alla Juventus: "Non mi fido di Bonucci"
Bonucci © LaPresse

E, dopo gli arrivi di Paul Pogba e Angel Di Maria, il reparto su cui la dirigenza bianconera ha concentrato le sue attenzioni è la difesa. Ceduto Matthijs de Ligt, è arrivato Gleison Bremer, soffiato all’Inter, ma per alcuni potrebbe non bastare a rinforzare concretamente il reparto. Ne ha parlato l’ex calciatore, Fernando Orsi, ai microfoni di ‘Radio Radio’: “Bonucci e Bremer sono una coppia da sviluppare, perché dipende molto dal primo – ha subito precisato -. Non so come sta, se è pronto a riprendersi il posto da titolare che aveva perso. Fossi stato nella Juventus, avrei preso due centrali difensivi nuovi. Mi fido meno di Bonucci – ammette Orsi -. Bremer arriva dal Torino, con tutte le conseguenze che possono esserci. È un work in progress e non sono entusiasta, i bianconeri hanno avuto coppie di difensori decisamente più forti”.

Juventus subito bocciata in difesa: dubbi su Bonucci

Juventus, doppia bocciatura immediata: "È in netto calo"
Bonucci © LaPresse

Il problema comunque non è il nuovo acquisto Bremer, che comunque già l’anno scorso ha mostrato grandi qualità fisiche e difensive. I dubbi, infatti, si concentrano più su Leonardo Bonucci. Il giornalista Sandro Sabatini, sempre ai microfoni di ‘Radio Radio’, ha detto chiaramente: “Bonucci è in netto calo da due o tre anni. Bremer, invece, è un ottimo sostituto di Chiellini. Allegri però, nella prima amichevole, ha fatto giocare Danilo sul centrodestra, magari è la sua idea per questa stagione e non ce ne siamo ancora accorti. Tutto dipende da Bonucci e dalle sue prestazioni“. Perplessità che non sono il massimo all’inizio di una nuova stagione, ma che verranno chiarite solo dal campo.