Kessie ha già dimenticato il Milan: “Quando chiamano certi allenatori…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:55

Franck Kessie parla per la prima volta dal trasferimento al Barcellona: le parole ai canali ufficiali dei blaugrana

La linea del Milan in questi anni è stata chiarissima: sostenibilità. E questo anche sacrificando nomi importanti viste le loro richieste esorbitanti sull’ingaggio. È stato il caso di Gigio Donnarumma, poi di Calhanoglu e ora anche Franck Kessie. L’ivoriano è l’ultimo di questa serie, ha vissuto una stagione particolare di alti e bassi, ma chiusa in crescendo. E soprattutto con il titolo di campione d’Italia. Così lo ha ringraziato il Milan nel post di addio sui social.

kessie milan barcellona
Kessie © LaPresse

Ieri nel frattempo è arrivata l’ufficialità del suo ingaggio al Barcellona, già ampiamente previsto ma ora anche annunciato. Kessie ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2026, con una clausola monstre da 500 milioni di euro. Una prassi dalle parti del Camp Nou, con cifre molto spesso ben più alte (anche da 1 miliardo). Domani è prevista la conferenza stampa di presentazione dell’ex Atalanta, che intanto oggi ha rilasciato le sue prime dichiarazioni da calciatore del Barcellona. “Questa è una grande opportunità. Non vedo l’ora di iniziare e fare tutto il possibile per questa squadra”.

Barcellona, Kessie: “Quando chiama un grande allenatore come Xavi…”

Kessie ha spiegato anche i motivi che lo hanno spinto a scegliere il Barcellona, ovvero la presenza di una leggenda del calcio mondiale: “Quando chiama un grande allenatore come Xavi, che è stato anche un grande giocatore, sai che ne è valsa la pena. Non vedo l’ora di iniziare a lavorare per lui e con tutti i miei compagni di squadra”, ribadisce l’ivoriano. “Sono un giocatore che lavora sodo – ha continuato -. Qui ha giocato anche Yaya Toure, era un grande calciatore. Ho avuto la fortuna di giocare al suo fianco per la Costa D’Avorio e sarei felice di avere una carriera importante come la sua”. Il Milan (e Stefano Pioli) è già un capitolo passato.