CMIT TV | Inter, Bergomi: “Ecco cosa blocca l’arrivo di Dybala”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:30

Intervenuto alla CMIT TV, Fabio Bergomi ha parlato del mercato dell’Inter e in particolare di Dybala

Con la nuova stagione pronta a partire, il nome di Paulo Dybala continua a far parlare di sé. L’argentino al momento è rimasto svincolato dalla Juventus, ma il suo futuro potrebbe essere sempre in Serie A. La candidata principale resta l’Inter, però le parole di Beppe Marotta hanno certamente fatto clamore.

CMIT TV, Fabio Bergomi su Dybala
Fabio Bergomi (CMIT TV)

A proposito del mercato dell’Inter e del futuro di Dybala, alla CMIT TV è intervenuto in diretta Fabio Bergomi. “Con Antun non ci sono problemi, l’Inter ha difficoltà a cedere e i problemi riguardano le uscite – ha affermato Bergomi – Marotta credeva di smorzare l’argomento e in realtà lo ha enfatizzato. So che con l’Inter è tutto fatto e la situazione è bloccata per le uscite, ci sono giocatori per cui è difficile visto che hanno contratti molto alti. Sanchez si sente ancora di giocare ad alti livelli, lui ha rinunciato a molti soldi arrivando all’Inter e ritiene ancora di giocare in una squadra forte e sta cercando una squadra. Per questo Dybala non può entrare. So che con Antun non c’è alcuna frizione, è la stessa situazione che valeva quando doveva entrare Vidal al posto di Godin. La squadra che più accostano a Dybala dopo l’Inter è il Milan, ma con il Milan non c’è nulla”.

Inter, Bergomi: “Con Skriniar out resta de Vrij”

“L’Inter ha ereditato giocatori con gli stipendi alti, Vidal va via per prendere uno stipendio super in Brasile e Sanchez sta cercando un’alternativa con calma. I tempi si stanno allungando, anche Dzeko vorrebbe restare, Correa è il pallino di Inzaghi che vuole dimostrare che quello di Correa non è stato un acquisto azzardato. Pinamonti è ancora in rosa. C’è quindi da fare cessioni” ha aggiunto Bergomi. Poi la risposta alla domanda: “Dybala serve all’Inter? Sì: Pinamonti sta partendo, Dzeko ha 37 anni, Lautaro ha club che lo cercano, Correa è inaffidabile, Lukaku è in prestito, Dybala diventerebbe un patrimonio dell’Inter. Un dirigente dell’Inter mi ha assicurato che Dybala non ha offerte e che sono state date priorità ad altre operazioni, soprattutto a quella di Lukaku”.

Skriniar
Skriniar ©️ LaPresse

Bergomi ha parlato anche di uscite in difesa: “L’Inter deve fare 60 milioni entro il 2023 quindi o esce de Vrij o Skriniar. L’ idea che esca Skriniar non è così certa e se lo slovacco dovesse andare, allora resterebbe de Vrij. L’Inter non vende a meno di 70-80 milioni Skriniar, ma non c’è urgenza. Se però esce Skriniar non esce de Vrij, non si va a prendere un’altra figura come Akanji o Milenkovic. I 60 milioni vanno fatti entro il 2023 e due difensori non partiranno”.