“Pronto a lasciare l’Atalanta”: Gasperini vuota il sacco e fa una promessa

Gian Piero Gasperini si prepara alla nuova stagione sulla panchina dell’Atalanta e svela un retroscena sul suo futuro 

L’Atalanta attesa al riscatto dopo l’ultima stagione che ha sancito l’uscita di scena dall’Europa del club orobico.

Gasperini
Gian Piero Gasperini ©LaPresse

Gian Piero Gasperini promette battaglia e torna sullo scorso campionato, difendendo le prestazioni in campo della sua squadra: “Non è vero che è stata una stagione negativa. Abbiamo pagato infortuni, Var e colpe nostre. Ma la squadra non ha mai dato la sensazione di essere cotta. Mai ho dovuto rimproverarla per mancanza di impegno o attaccamento – le parole dell’allenatore di Grugliasco alla ‘Gazzetta dello Sport’ – Quest’anno sarà un’Atalanta da battaglia, animata da spirito di rivincita. Uscire dalle coppe ci ha dato rabbia. Vedremo che squadra nascerà. Oggi sul mercato l’Atalanta è come in campo: dinamica, coraggiosa, si sbatte, non resta rintanata a Zingonia. Non ha ancora chiuso un affare, ma non ho nulla da rimproverare. Come alla squadra”.

FUTURO – “Se sono ancora qui è per il forte legame con la città. Durante l’ultima partita con l’Empoli ho percepito forte la richiesta della gente: ‘Rimani a Bergamo’. Questa cosa ha condizionato le scelte perché io ero veramente pronto a lasciare, se la società avesse voluto. Questo affetto e questa fiducia mi hanno trattenuto. Il mio impegno sarà moltiplicato per ricambiare”.

Atalanta, Gasperini criticato
Gian Piero Gasperini ©LaPresse

MERCATO – “Nuove energie avrebbero aiutato. Un campione avrebbe portato nuovo entusiasmo e stimolato la competitività. Siamo rimasti troppo a lungo gli stessi. Toloi, de Roon, Freuler, Djimsiti sono lì da prima che arrivassi io. I miei scontri in tema di mercato sono nati sempre dalla stessa esigenza: non restare fermi”.