Marotta annuncia Dybala all’Inter: “C’è la speranza”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:28

Le dichiarazioni di Marotta sul calciomercato dell’Inter: tra entrate ed uscite. Le sue parole su Perisic e non solo

Beppe Marotta torna a parlare di Inter. Lo fa a margine dell’evento “L’Amico Atletico”, a Milano.

Calciomercato Inter: Marotta su Parisic, Lukaku e Dybala
Beppe Marotta ©LaPresse

Il direttore generale dei nerazzurri fa il punto sul calciomercato. Un calciomercato che preoccupa particolarmente i tifosi, che la scorsa estate hanno perso Hakimi e Lukaku.

Ora è toccato ad Ivan Perisic, che ha preferito non rinnovare e volare a Londra, per legarsi al Tottenham di Antonio Conte: “Ci dispiace – afferma Marotta – aveva voglia di provare un’esperienza in Inghilterra e non potevamo migliorare la nostra offerta. C’è massimo rispetto in questa scelta e lo ringraziamo. C’è già Gosens e troveremo il giusto sostituto”

Calciomercato Inter, Dybala-Lukaku nerazzurri: parla Marotta

Calciomercato Inter: Marotta su Parisic, Lukaku e Dybala
Romelu Lukaku ©LaPresse

Impossibile non parlare di Romelu Lukaku e Paulo Dybala. Il tifoso, come detto, è in apprensione per il forte rischio di perdere altri elementi importanti della rosa ma allo stesso tempo sogna la super coppia in attacco: “Non dobbiamo farci prendere dall’ansia, fare le cose frettolosamente – dichiara Marotta – Qualcosa abbiamo già fatto in anticipo. Credo che il lavoro di Ausilio e di Baccin sia stato molto positivo. Ci deve essere grande professionalità e competenza ma anche creatività. Non sempre c’è la necessità di avere soldi e fare investimenti, bisogna avere anche il coraggio di fare delle azioni. Ma soprattutto devo dire che lo zoccolo duro della squadra rimarrà, quindi con queste premesse potremmo affrontare la stagione con gli obiettivi di sempre, con 3-4 competizioni da affrontare, sapendo che siamo l’Inter, e come tale i traguardi sono ambiziosi”.

Marotta, poi, torna a rispondere su Dybala, sbilanciandosi parecchio: “Nello sport esistono le bugie bianche per cui dico che ora non lo so, ma la speranza, magari, è quella che possa giocare con noi”.