CMIT TV | Inter, allarme Bastoni e Barella: “Non ci sono incedibili”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:29

Inter, capitolo cessioni: l’annuncio in diretta alla CMIT TV in merito al futuro di Bastoni e Barella

Campionato concluso, ora è tempo di pensare al mercato. E per le questioni di casa Inter è intervenuto alla CMIT TV Vincenzo D’Angelo, giornalista de ‘La Gazzetta dello Sport’, che si è soffermato sulle trattative di casa nerazzurra. “Bastoni non è un nome caldo perché non ci sono offerte ufficiali su cui la società deve ragionare, ma è un profilo di big che può essere sacrificato. Sappiamo che l’Inter un sacrificio lo dovrà fare. Se analizziamo qualità, livello di giocatori e mercato che possono avere Bastoni ha caratteristiche uniche. Al fronte di un’offerta importante, tra i 50 e i 60 milioni, il ragazzo può partire”.

Vincenzo D'Angelo alla CMIT TV
D’Angelo (CMIT TV)

Sull’eventuale partenza di Barella: “Chiaro che l’affare Lukaku-Chelsea ha dimostrato che non ci sono incedibili. Se dovesse arrivare un’offerta tutto viene rivisto. Fosse per l’Inter Barella, Bastoni e Lautaro non verrebbero mai ceduti, ma ci sono i conti da sistemare e i 60 milioni di plusvalenza da mettere a bilancio. Anche Barella avrà mercato, bisogna capire se può avere mercato tra le squadre di prim’ordine. Bastoni secondo me è più un unicum, su di lui ci sono le due di Manchester e il Tottenham. Al momento sulla scrivania dell’Inter non sono arrivate offerte ufficiali, ci sono squadre intenzionate a capire cosa accadrà in casa Inter”.

Infine su Asllani, Mkhitaryan e Pinamonti: “Pinamonti tornerà all’Inter, si faranno dei ragionamenti, Inter poi cambierà qualcosa in attacco. Il ragazzo ha voglia di giocare dopo questa stagione e non vuole fare la comparsa. Credo che per lui possano arrivare offerte di club importanti e se Inter può monetizzare lui può lasciare l’Inter in modo definitivo. Partiranno Vidal e Vecino, Mkhitaryan è un’opportunità, anche per essere un jolly di centrocampo oltre che essere un parametro zero. Lì conterà la volontà del giocatore. Inter ha pronta la sua offerta biennale a circa 3/3.5 milioni. Asllani piace tanto a tutte le big, l’Empoli è una società che fa del vivaio la sua forza, l’Empoli vuole monetizzare e prendere atto di cosa c’è sul mercato, potrebbe anche cederlo e chiedere di tenerlo in prestito per un anno. Inter potrebbe ragionare su inserire contropartite, per Empoli interessante un profilo come Satriano, più facile inserire invece Esposito, che potrebbe essere un profilo perfetto per i toscani. C’è però tempo, ora sono altri i temi su cui il club è focalizzato, come Perisic e Dybala“.