Allegri lo ammette dopo Fiorentina-Juventus: “Non è bello”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:33

Massimiliano Allegri ha parlato al termine di Fiorentina-Juventus, ultima gara di campionato della formazione bianconera

Massimiliano Allegri è intervenuto a ‘DAZN’ per commentare Fiorentina-Juventus, ultima gara di campionato che ha visto i bianconeri perdere 2-0.

Allegri
Allegri

L’allenatore toscano ha affermato: “In questo momento, con una squadra che ha già raggiunto l’obiettivo, si iniziano a fare dei nomi. Stasera abbiamo finito la stagione, abbiamo fatto un primo tempo decente. E’ stata una settimana un po’ particolare, ci sono stati i festeggiamenti per i calciatori che davano gli addii, qualche calciatore che non stava bene. Ora pensiamo all’anno prossimo”.

ANNO PROSSIMO – “Voglio vedere che giocatori avrò a disposizione. La base c’è, la squadra va sistemata, la società lo sa: abbiamo parlato, c’è unità di intenti, cerchiamo di fare il meglio possibile”.

VLAHOVIC – “In questo momento è più da un attacco a tre, ma deve imparare a giocare anche a due”.

SOSTITUTO DYBALA – “Dipenderà dal mercato, dalle situazioni anche in uscite. Dalla settimana prossima ci metteremo al lavoro”.

BASKET – “No gioco più a tennis. Pogba da tre non sbaglia mai? Allora dobbiamo prendere più uno che sa giocare a tennis. Sappiamo quel che dobbiamo fare, vediamo se riusciamo a farlo. Abbiamo dei giocatori in uscita, il mercato è difficile serve calma e bisogna valutare quelli che abbiamo”.

TRIDENTE – “Dipende dal mercato dei giocatori. Dusan è più bravo a giocare da solo davanti e va sfruttato per le sue qualità”.

Calciomercato Juventus, Allegri: “Mercato è difficile, serve calma”

Allegri
Allegri © LaPresse

SCUDETTO – “Non lo so, domani è bella. Purtroppo non ci siamo noi, dopo cinque anni è la prima volta e non è bello. Sono un po’ invidioso”.

ANNO PROSSIMO – “Dobbiamo lavorare per rubare punti a chi sta vincendo il campionato. Gap? Guardando i numeri è tanto, però dopo la partita con l’Inter ci siamo fermati, dopo il quarto posto mentalmente abbiamo mollato. Bisogna essere lucidi, avere calma e valutare i giocatori che ci sono adesso e quelli che dobbiamo prendere”.