Addio ai nerazzurri, è quasi fatta: ci sono già le cifre

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:07

Il campionato non si è ancora chiuso, ma già è partito il domino degli attaccanti: ecco il colpo che può realizzarsi a breve

Mancano ancora 90 minuti alla fine del campionato, con tanti obiettivi ancora in ballo. Dallo scudetto all’Europa League, la Conference e ovviamente la lotta salvezza. Resta da assegnare il titolo, il secondo posto in Europa League dopo la Lazio e di conseguenza chi invece giocherà la terza competizione europea per club. Infine l’ultimo posto utile per la salvezza, con la terza retrocessa dopo Venezia e Genoa.

gasperini inzaghi piccoli atalanta verona
Gasperini e Inzaghi © LaPresse

La giornata chiusa ieri ha complicato parecchio i piani di diverse squadre, dal Cagliari alla stessa Salernitana che ha buttato due punti sbagliando un rigore. Anche in zona Europa, però, Atalanta e soprattutto Fiorentina hanno subito due stop che mettono a serissimo rischio il piazzamento. I bergamaschi hanno disputato un girone di ritorno in netto calando e ora si giocano tutto nell’ultima in casa con l’Empoli. Intanto, però, il mercato è già cominciato e anche in Europa diversi attaccanti si stanno spostando.

Come riporta ‘gazzetta.it’, infatti, con ogni probabilità Roberto Piccoli il prossimo anno giocherà con la maglia del Verona. Si tratterebbe di un acquisto a titolo definitivo, un affare tra due società con ottimi rapporti, l’Atalanta e l’Hellas, che dovrebbe chiudersi per una cifra tra 4 e 5 milioni di euro. Il giovane attaccante ha giocato in prestito al Genoa, trovando però poco spazio soprattutto a causa di qualche infortunio. Il classe 2001 aveva fatto bene nelle sue prime presenze tra i grandi, lanciato da Gasperini, e poi è stato frenato da qualche guaio fisico. Il Verona sarebbe quindi pronto a puntarci e oltre a questo aspetto, c’è anche la trattativa tra i club sul futuro di Tony D’Amico, ds gialloblù, che potrebbe approdare a Bergamo. Piccoli era stato già in orbita Hellas a gennaio, ora può essere il momento giusto.