Serie A, Empoli-Salernitana 1-1: Perotti spreca 3 punti e salvezza dal dischetto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:54

Occasione persa per la formazione di Davide Nicola che adesso deve sperare nell’Inter

Anche stavolta, come la scorsa settimana contro il Cagliari, la Salernitana è andata ad un passo dai tre punti che l’avrebbero avvicinata verso la salvezza. A sprecare tutto è stato Diego Perotti che al minuto 84′ ha avuto la grandissima possibilità di decidere il match dagli undici metri.

Serie A, Empoli-Salernitana 1-1: Perotti spreca 3 punti dal dischetto
Cutrone Fazio © LaPresse

Un partita che era iniziata malissimo per la Salernitana, sotto di una rete alla mezz’ora a causa del movimento smarcante di Cutrone finalizzato in rete da una buonissima conclusione ravvicinata che non ha lasciato scampo a Sepe. Match decisamente in salita che si è chiuso col vantaggio dell’Empoli al termine della prima frazione di gioco.

Nella ripresa è venuto fuori il cuore della Salernitana, grazie soprattutto ai cambi operati da Davide Nicola. La rete del vantaggio arriva infatti sugli sviluppi di calcio d’angolo al 76′, complice un’incertezza di Vicario che sino a quel momento era stato protagonista con grandi interventi. A trovare il super gol in rovesciata è stato ancora una volta Bonazzoli, entrato in campo con la solita grinta.

Atteggiamento che all’84’ non ha avuto Perotti dal dischetto, per un calcio di rigore fischiato per un fallo ai danni di Coulibaly con l’aiuto del Var. ‘El Monito’ dagli undici metri ha cercato la sinistra di Vicario, che ancora una volta ha intuito salvando il risultato sull’1-1 e rimettendo in discussione la salvezza della Salernitana. Adesso i punti di vantaggio sono 2 sul Cagliari, che domani sera dovrà giocare in casa contro l’Inter alla ricerca di punti scudetto.

CLASSIFICA SERIE A: Milan punti 80, Inter 78, Napoli 73, Juventus 69, Lazio 62, Roma 59, Fiorentina 59, Atalanta 59, Verona 52, Torino 47, Sassuolo 47, Udinese 44, Bologna 43, Empoli 38, Spezia 33, Sampdoria 33, Salernitana 31, Cagliari 29, Genoa 28, Venezia 25.