Giallo Cristiano Ronaldo, un altro doppio gesto: Inghilterra nel caos

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:20

Il futuro di Cristiano Ronaldo continua a essere totalmente in bilico e a tenere col fiato sospeso la Premier: e da CR7 è arrivato l’ennesimo gesto

Cristiano Ronaldo, nel bene o nel male, continua a catalizzare l’attenzione mediatica dell’Inghiterra ma non solo. Il portoghese ha vissuto una stagione travagliata, come del resto tutto il Manchester United, che è stata la vera delusione della Premier League. I Red Devils con la sconfitta contro l’Arsenal hanno praticamente detto addio alla possibilità di qualificarsi in Champions League. Ovviamente questo ha spinto, almeno sulla carta, il futuro di CR7 lontano da Carrington. E addirittura si è tornato a parlare di un possibile nuovo matrimonio col Real Madrid, da partner di Mbappe.

ronaldo manchester united addio
Cristiano Ronaldo © LaPresse

Difficile, difficilissimo che questo accada. Ma intanto c’è da sciogliere il nodo Manchester: alcune settimane fa il portoghese aveva fatto sapere a tutti di non avere intenzione di lottare per il sesto posto. A questo si è unito l’arrivo di Rangnick che ha una filosofia opposta alla presenza di Ronaldo, ora l’ulteriore incognita legata a ten Hag, nuovo manager dello United. CR7 ha ancora un altro anno di contratto, è in ogni caso il capocannoniere della squadra e anche ieri col Brentford ha segnato ancora ed è stato il migliore in campo. E ha mandato anche un paio di segnali.

Ronaldo, doppio segnale per la permanenza al Manchester United: i giornali scatenati

ronaldo manchester united addio
Cristiano Ronaldo © LaPresse

Sull’esultanza dopo il gol del 2-0, Cristiano Ronaldo si è battuto il dito sul petto e poi lo ha indirizzato verso il campo, il terreno di gioco. Un gesto che per tutti i principali tabloid inglesi, dal ‘Daily Star’ al ‘The Guardian’ passando per il ‘Telegraph’, è stato interpretato come un segnale sulla sua voglia di restare. Nonostante, quindi, l’Europa League. In Inghilterra quasi non si è parlato d’altro, anche perché questo ha fatto anche il paio con un altro gesto dopo il fischio finale. “I’m not finished”, ha detto alle telecamere che gli passavano davanti in campo. Il che può voler dire che ‘Sono ancora il più forte, il ritiro è lontano’, ma anche ‘Il mio lavoro qui non è finito’.

Comunque i giornali lo hanno visto come un indizio positivo sulla permanenza di Ronaldo allo United, come quasi unico punto fermo visto che Cavani andrà via e anche Rashford e Martial rischiano dopo una stagione grigissima. “Ha giocato con la squadra, ha guadagnato e trasformato il rigore, ha aiutato in difesa. Perché non dovrebbe far parte della squadra? Ma è una domanda che dovete fare a ten Hag e Cristiano”, ha detto Rangnick dopo la partita. Insomma, il futuro è ancora tutto in ballo. Di certo c’è che vedere CR7 in Europa League avrebbe del clamoroso, proprio conoscendo il portoghese e la sua voglia incredibile di battere record in Champions.