CM.IT | Mazzarri e il Cagliari, ore frenetiche: tra conferma e addio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:31

La sconfitta interna patita ieri contro il Verona dal Cagliari, potrebbe far saltare il banco e anche la panchina di Walter Mazzarri

Ore di riflessioni profonde a Cagliari, dove la posizione di Walter Mazzarri è al vaglio della dirigenza rossoblu. I risultati stanno complicando molto il finale di stagione della squadra sarda che ora lambisce con un vantaggio minimo la zona retrocessione e i due punti di vantaggio sulla Salernitana sono diventati niente.

CM.IT | Mazzarri e il Cagliari, ore frenetiche: tra conferma e addio
Walter Mazzarri ©️ LaPresse

Domani la squadra di Nicola giocherà a Bergamo contro l’Atalanta, giovedì recupererà in casa la gara con il Venezia e tre giorni dopo aspetterà proprio il Cagliari all’Arechi, in una gara che rischia di essere uno spareggio tremendo con vista sulla Serie A da una parte e sulla B dall’altra. La sconfitta interna con il Verona è stata una autentica mazzata per la squadra di Mazzarri che viene da un ciclo negativo lungo due mesi durante i quali sono arrivate solo due vittorie con Torino fuori e Sassuolo in casa, a fronte di sette sconfitte che hanno fatto precipitare la classifica risucchiando il gruppo nella zona caldissima di chi lotta per mantenere la categoria. Oltre al Venezia, solo il Genoa ha fatto male quanto il Cagliari in questo ultimo periodo e ora la situazione si è davvero complicata.

Bisogna dire che la stagione era iniziata con ben altre attese. Oggettivamente la rosa del Cagliari non poteva minimamente far supporre questo tipo di classifica, ma poteva anche lasciar presupporre qualche ambizione da riuscire a coltivare in corso d’opera. Da Cragno a Godin, agli Under 21 Lovato e Bellanova, e poi Dalbert, Lykogiannis, il richiestissimo Nandez, Marin, Rog e Baselli a metà campo, fino all’attacco che da Joao Pedro a Pavoletti e Keita Balde non ha davvero nulla in meno di tante squadre (semmai ha di più) che hanno fatto un cammino molto più sereno di quella sarda.

Cagliari, ore di valutazione: Mazzarri può saltare

Invece i segnali di una stagione complicata si sono visti abbastanza dall’inizio. Il 15 settembre il presidente Giulini ha deciso di interrompere il rapporto con Leonardo Semplici (la squadra era penultima in classifica), ma con Walter Mazzarri alla fine non è arrivata la svolta che la proprietà si sarebbe attesa. E la partita di ieri con il Verona è il segnale di un’altra grande occasione persa in casa per darsi una spinta in più che allontanasse la squadra dalla zona rovente della classifica: Barak e Caprari hanno indirizzato immediatamente la partita che Joao Pedro ha provato a correggere in corsa. Ma non è bastato.

Cagliari, ore di valutazione: Mazzarri può saltare
La panchina di Mazzarri è in bilico ©️ LaPresse

Adesso, riportano indiscrezioni raccolte da Calciomercato.it, bisogna capire cosa potrà accadere per il piccolo tratto di strada che manca. Se si arrivasse a interrompere anche il rapporto con Mazzarri difficile pensare ad un ritorno di Leonardo Semplici (con il quale l’addio non era stato proprio dei migliori otto mesi fa, ma che aspetta sempre una eventuale comunicazione ufficiale e resta un’opzione): si potrebbe pensare ad una soluzione interna che potrebbe comprendere anche Alessandro Agostini, attuale tecnico della Primavera e bandiera del Cagliari dal 2004 al 2012 con 298 presenze in rossoblù.

Giorgio Alesse