“Adesso basta”: la risposta sui social e la risata isterica

Lazio-Milan lascia strascichi molto polemici dopo il convulso finale: arriva il post sui social, reazione piccata

Le emozioni non sono di certo mancate in Lazio-Milan. Sotto nel primo tempo, i rossoneri l’hanno ripresa con Giroud e con il gol di Tonali al 92′ hanno risposto all’Inter, riportandosi momentaneamente in testa alla classifica, prima del recupero dei nerazzurri contro il Bologna.

"Adesso basta": la risposta sui social e la risata isterica
Lazio-Milan © LaPresse

La rete decisiva dei rossoneri ha generato tuttavia notevoli polemiche per com’è arrivata. L’errore di Marusic che ha provocato il recupero palla del Milan da cui è nato il gol ha fatto discutere, ancora di più la reazione di Acerbi beccato nell’atto di sorridere ironicamente con Marusic a riprenderlo a muso duro. I social si sono scagliati contro Acerbi, già nel mirino della tifoseria della Lazio da tempo, con un carico di contestazioni considerevole. Sempre a mezzo social, però, arriva la replica, senza mandarle a dire.

Lazio-Milan, Acerbi non ci sta: risposta a muso duro su Instagram

"Adesso basta": la risposta sui social e la risata isterica
Francesco Acerbi (screen shot post Instagram)

E’ lo stesso Acerbi a prendere la parola dal suo profilo Instagram e a rispedire al mittente insinuazioni di qualsiasi genere. Il difensore biancoceleste ne ha la misura colma, di tutte le polemiche di questi mesi, in cui è stata messa in dubbio la sua professionalità e sbotta: “Ora basta. Ho sempre dato tutto per questi colori e sono fiero di aver vinto i trofei con questa maglia. C’è stato qualche attrito, lo ripeto come ho già fatto, ho sbagliato e chiesto scusa. La risata di questa sera era isterica per aver perso i due punti in maniera rocambolesca e non perché ero felice di aver perso. Non vorrei nemmeno che un tifoso pensasse questo di me“. Anche in questo caso, però, non sono mancate reazioni decisamente piccate da parte dei tifosi biancocelesti, molti dei quali ne hanno ulteriormente auspicato la cacciata.