Cambio di proprietà per il Milan: il punto sulla cessione a InvestCorp

Il punto sulla possibile cessione del Milan: Elliott sta trattando in esclusiva con InvestCorp. Tempi brevi per conoscere il destino del club

Un paio di settimane per scrivere un nuovo capitolo della storia del Milan. La notizia, lanciata da L’Equipe e ripresa, con ulteriori dettagli, da fonti autorevoli come Routers e Bloomberg, ormai è di dominio pubblico: Elliott si appresta a cedere il club rossonero a InvestCorp.

Milan, Elliott cede a InvestCorp
Casa Milan ©LaPresse

Una notizia che non ha trovato le smentite di rito da parte dei principali attori. Ben presto dunque scopriremo la verità. Stando alle ultime notizie il fondo del Bahrain ha infatti ottenuto già da inizio aprile l’esclusiva sulla trattativa. Ancora una quindicina di giorni, dunque, e sapremo se il Milan avrà ancora un nuovo proprietario.

Elliott, dopo aver speso sui 700/800 milioni di euro, si prepara a cedere il club per 1 miliardo di euro. E’ questo il prezzo fissato dagli americani. Il fondo medio-orientale, che sta ultimando la due diligence sui conti, appare disposto ad investire tale somma, convinto che il valore del Milan possa crescere, più che raddoppiare, nel giro di pochi anni.

Il lavoro di Elliott, in poco tempo, ha mostrato al mondo cosa possa essere in futuro il Milan. I Singer si sono ritrovati tra le mani una società sull’orlo del baratro. L’ultima parte della gestione Berlusconi non è stata certo delle migliori e i cinesi hanno aggravato la situazione.

Milan, la rinascita con Elliott

Milan, Elliott cede a InvestCorp
Singer ©LaPresse

Una ristrutturazione a livello societario, con l’inserimento di uomini capaci e competenti, in tutti i settori, dal finanziario a quello sportivo, ha portato il Milan ad uscire dalle sabbie mobili.

Il lavoro di Ivan Gazidis e dei suoi collaboratori è sotto gli occhi di tutti: il Milan vede il pareggio di bilancio (presumibilmente fra due esercizi), che fino a poco tempo fa appariva davvero un miraggio. Oggi i rossoneri sono tornati ad attrarre sponsor importanti e il merito chiaramente è soprattutto dell’Amministratore Delegato tanto criticato all’inizio del suo mandato.

Anche i successi sportivi – il Milan è tornato ad occupare i piani alti della classifica e oggi è in lotta per lo scudetto – sono evidenti. Paolo Maldini, Frederic Massara e Geoffrey Moncada, con Stefano Pioli in panchina, hanno dato valore alla rosa, con l’innesto di tanti giovani calciatori, oggi diventati dei campioni.

Il lavoro di Elliott ha dunque permesso al Milan di crescere e di tornare ad essere appetibile da chi ha voglia di investire nel calcio.

Il potenziale del brand Milan è davvero sotto gli occhi di tutti e l’intenzione dei nuovi investitori sarà proprio quello di farlo crescere ancor di più, portando all’interno del club le proprie esperienze e competenze.

Milan, chi è InvestCorp

Milan, Elliott cede a InvestCorp
Casa Milan ©LaPresse

Il Milan dunque potrebbe presto passare da un fondo all’altro. Nella mattinata di sabato è arrivato un messaggio social da parte di Mohammed Al Ardhi, Executive Chairman di InvestCorp. Un messaggio Twitter, in cui si congratula con il Milan per il primato ritrovato e fa gli auguri di Pasqua ai suoi tifosi.
Un messaggio, con il quale di fatto conferma di poter presto far parte del mondo rossonero.

InvestCorp ha dimostrato di essere capace di lavorare bene sul brand. E’ l’obiettivo, chiaramente, come detto, sarà quello di raddoppiare il valore del club per poi rivenderlo ad un nuovo offerente. Questa valorizzazione passa attraverso il raggiungimento di vari obiettivi, dalla creazione di nuove partnership e chiaramente dal campo e dalle vittorie.

InvestCorp d’altronde collabora con diverse realtà in giro per il Mondo. Il tifoso, che si augura di non assistere ad una rivoluzione, ma di vedere ancora Paolo Maldini e i suoi uomini, possono comunque dormire sonni tranquilli.

InvestCorp è un fondo diverso rispetto ad Elliott. Si tratta di un fondo partecipato, con altri fondi al suo interno. Ci sono investitori pubblici per lo più legati al mondo medio-orientale, come Mubadala Investment Company PJSC, vale a dire il fondo sovrano di Abu Dhabi, che detiene il 20% della finanziaria del Bahrain.
Pochi giorni e sapremo se la trattativa andrà a buon fine ma la certezza è che il Milan, comunque vada, sarà in buone mani.