Milan-Genoa, Pioli: “Attenzione con i complimenti. Ecco come sta Calabria”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:50

Le dichiarazioni di Stefano Pioli al termine di Milan-Genoa, match valevole per la trentatreesima giornata di Serie A

Il Milan torna a vincere dopo i due pareggi per 0 a 0 contro e lo fa grazie ai gol di Rafael Leao e Junior Messias. I rossoneri di Stefano Pioli si sono imposti così per 2 a 0 contro il Genoa, tenendo vivo il sogno scudetto.

Pioli e Leao
Pioli e Leao © LaPresse

Al termine della partita di San Siro ha parlato mister Stefano Pioli in conferenza stampa.

Si parte dal settimo match senza subire gol: “Quello di stasera è il risultato perfetto ottenuto con una prestazione non perfetta – esordisce Pioli . Ma serviva questo grande risultato. Avevamo la stessa pressione e ansia dello scorso anno, la passata stagione però lottavi per arrivare tra le prime quattro, oggi si lotta per qualcosa di più importante. Ho visto la voglia e l’atteggiamento giusto della squadra. Sarà una Pasqua serena ma la testa è già a martedì”.

Aspetti positivi – “Mi è piaciuta sia la fase difensiva che quella offensiva. Si può essere più precisi dal punto di vista tecnico”.

Partita dispendiosa – “Dal punto di vista mentale lo è stata tanto ma la vittoria ti ridà tante energie. Abbiamo speso tanto ma martedì non avremo problemi di questo tipo”.

Milan-Genoa, Pioli: “Contento per Leao”

Pioli
Pioli © LaPresse

Crescita Kalulu – “Bisogna fare attenzione a fare troppi complimenti anche se a Pierre bisogna farglieli per come risponde sul campo. Cross? Oggi era un obiettivo farlo velocemente. Sono contento che Leao abbia attaccato la porta perché ogni tanto se lo dimentica”.

Singoli – “Calabria? Aveva qualche linea di febbre e conati di vomito. Krunic è un calciatore intelligente e sono davvero contento di allenarlo”.