Milan, dalla Francia: Elliott nel mirino della Uefa

Elliott nel mirino della UEFA. Ecco cosa sta succedendo alla proprietà del Milan stando alle ultime news provenienti dalla Francia

I giornali tornano a discutere della proprietà del Milan. Stavolta a farlo è ‘L’Equipe’, in Francia. Sono fortunatamente lontani gli anni in cui nel mirino dei media c’era Yonghong Li e i suoi soci che avevano acquistato il club rossonero da Silvio Berlusconi. L’era cinese, come tutti ricorderete, durò davvero poco, dando vita a quella del fondo americano.

Uefa, indagini su rapporti Lille-Elliott
Singer ©LaPress

Elliott, in questi mesi, ha rivoluzionato il Milan, rivoltandolo come un calzino, e affidandosi a uomini competenti, in ogni settore, economico e sportivo. La crescita del club rossonero è sotto gli occhi di tutti: il Diavolo sta dimezzando ogni anno il passivo, con scelte oculate, e si avvia al pareggio di bilancio nelle prossime stagioni.

Nonostante l’abbassamento del monte-ingaggi, il Milan è riuscito a rilanciarsi anche sul campo e ormai da due stagioni è nei piani alti della classifica. Non è ancora chiaro quanti anni Elliott terrà il club ma oggi i tifosi rossoneri possono guardare al futuro con ottimismo. La storia del fondo americano ci insegna che prima o poi la cessione avverrà.

Uefa, indagini su rapporti Elliott-Lille

Uefa, indagini su rapporti Lille-Elliott
Singer e Gazidis ©LaPresse

Nel frattempo dalla Francia arrivano notizie destinate a far discutere: protagonista della notizia data da L’Equipe è proprio il fondo Elliott e i suoi interessi nel calcio.

Secondo il noto giornale transalpino, la Uefa avrebbe messo nel mirino la proprietà del Lille e i suoi possibili legami con Elliott.

Il fondo americano, infatti, è uno dei maggiori creditori di Merlyn Partners, fondo che ha gestisce il club francese. Le indagine servirebbero a capire se Elliott controlli indirettamente anche il Lille, oltre che chiaramente il Milan.