Roma-Lecce, Baroni: “Calabresi, che segnale. Abbiamo onorato la partita”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:11

L’allenatore del Lecce, Marco Baroni, ha commentato il ko in casa della Roma che costa l’eliminazione dalla Coppa Italia

Il Lecce dura un tempo, poi crolla sotto i colpi dei giocatori ovviamente molto più forti della Roma e l’espulsione di Gargiulo fa il resto. L’allenatore dei salentini Marco Baroni commenta in conferenza la sconfitta all’Olimpico e l’eliminazione dalla Coppa Italia.

Lecce Roma Baroni
Baroni © LaPresse

Le sue parole: “Inutile commentare la Roma, è una squadra con cui ci sono differenze fisiche, tecniche e di tutti i tipi. Ho chiesto ai ragazzi di non snaturarci e avere lo stesso atteggiamento, con certi campioni puoi toppare e intimorirti invece la squadra mi è piaciuta tantissimo. Sono molto contento, abbiamo giocato palla a terra e pressato. Poi abbiamo pagato, è venuta fuori la differenza tecnica e di gamba, anche con ragazzi che hanno giocato meno. Con l’espulsione poi non era facile, ma sono contento. Ce la siamo regalata questa partita ed era giusto che la affrontassimo così ma il nostro pensiero è già al campionato e dobbiamo pensare a recuperare”.

Roma-Lecce, Baroni su Calabresi: “La sua prestazioni è un segnale che mi fa stare molto attento”

Roma Lecce Baroni
Baroni © LaPresse

Calabresi al centro della difesa è stato grande protagonista: “Per me non è una sorpresa, ma prenderò spunto da questa prestazione, che è stata importante, come io voglio. Ha corso sempre in avanti, bravo nella gestione della palla, mi ha dato un bel segnale, ho apprezzato tantissimo, ci ha dato molto nell’approccio al lavoro e alla squadra e questa prestazione è un segnale che raccolgo con grande attenzione”.

Sul ritorno all’Olimpico: “Venire qui a Roma è sempre bellissimo, è sempre meraviglioso. Peccato che ancora una volta non riusciamo a vederlo come vorremmo per quello che sappiamo. Ho ricordi meravigliosi, speriamo finisca questa pandemia e si possa ripresentare il pubblico. E’ stata una bella emozione, per questo anche avevo chiesto una partita così ai ragazzi. Ci sono persone che aspettano una vita intera per 90 minuti qui, avevamo l’occasione e non dovevamo buttarla. L’abbiamo onorata mettendo in difficoltà una grande squadra”.