Roma-Cagliari, Mazzarri: “Potevamo vincerla”. | Su Nandez e il mercato…

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:48

Mazzarri orgoglioso della prestazione del Cagliari in casa della Roma: le sue parole in conferenza stampa

Si ferma a due la striscia di vittorie del Cagliari, che cade 1-0 in casa della Roma. Poco male per Walter Mazzarri, che applaude la sua squadra in conferenza stampa: “Sono molto contento di come abbiamo interpretato la gara. È da quattro giornate che giochiamo così, nel primo tempo non abbiamo finalizzato ma secondo me meritavamo quanto meno il pareggio. Voglio parlare della partita, col Covid a ogni squadra capitano questi momenti, non dobbiamo pensarci. Mi interessa che anche contro la Fiorentina faremo questo tipo di gara, è il calcio che mi piace. Qualche ragazzo è stato frettoloso magari nelle scelte e potevamo avere 2-3 occasioni in più nel primo tempo. Dobbiamo essere più qualitativi nell’ultima decisione, ma se continuiamo così i risultati saranno solo una conseguenza”.

Calciomercato Cagliari, Mazzarri: “Altare rimane con noi”

Sul mercato e il futuro di Altare: “Altare rimane con noi, sta facendo delle prestazioni sorprendenti anche per noi. Era in C2, giocare così in Serie A non era scontato. Merito a lui e al gruppo che lo aiuta, devo fare i complimenti a Lovato e Goldaniga, abbiamo avuto un atteggiamento alto e aggressivo, non ci siamo spaventati. Se arriva qualcuno dal mercato ben venga, l’allenatore è sempre contento. Qualche punto anche all’andata lo abbiamo perso, se avessimo avuto 6-7 punti in più potevamo fare diversamente in Coppa Italia. Dobbiamo pensare a ottimizzare il più possibile il campionato, è lì che dobbiamo concentrarci. Vedremo come scenderemo in campo col Sassuolo in Coppa Italia, magari con chi ha giocato meno. Se faremo bene le cose quest’anno potremo programmare belle cose insieme il prossimo anno”.

Infine su Nandez: “Ci parlo tutti i giorni, è un ragazzo in gamba, gli fa bene pensare ad allenarsi. Bisogna che non pensi ai fatti privati, oggi ci ha ripagato, peccato perché meritava di fare gol. Ci ha dato una grossa mano nel finale, anche grazie a lui meritavamo il pareggio. Nel finale eravamo con la testa a fare una grande partita e potevamo anche vincerla se avessimo segnato dieci minuti prima”.