Calciomercato Torino, annuncio di Cairo su Belotti: “Le cose sono chiare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:07

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha fatto un annuncio di calciomercato sul futuro di Andrea Belotti

Il futuro di Andrea Belotti resta un’incognita. In scadenza di contratto a giugno 2022, il bomber del Torino non ha ancora rinnovato e vede anzanzare indiscrezioni sull’interesse del Toronto, che ha già acquistato Insigne in vista di luglio. Il presidente Urbano Cairo ha quindi fatto il punto della situazione.

Andrea Belotti ©LaPresse

Conciso il messaggio di Cairo sul capitano granata: “Ne abbiamo parlato talmente tanto che ormai parlarne ancora è un po’ superfluo – spiega a ‘Radio anch’io sport’ su ‘Rai Radio 1’ – Le cose sono chiare: se il giocatore ha altre idee noi non possiamo fare più di quello che abbiamo fatto, che era veramente tantissimo considerando il momento e i nostri modelli economici. Bisogna pensare a giocare senza dedicare troppo tempo a questa cosa”.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, l’esperto tuona: “Ennesimo modo per colpire il calcio”

Coronavirus, Cairo analizza le restrizioni e il protocollo della Serie A

Inter e Milan, Cairo su Bremer, Belotti e Pobega
Cairo (Foto CM.IT)

Urbano Cairo ha parlato delle recenti riduzioni di spettatori: “E’ una scelta presa unanimemente che ci è stata caldeggiata dal governo. Non mi sembra che lo stadio sia il principale portatore di incremento di positività. Per una forma di responabilità lo abbiamo fatto”.

IL PROTOCOLLO – “Proteste Udinese e Bologna? Credo siano abbastanza giuste, anche io non ho condiviso questo protocollo nuovo. Non mi è sembrato molto ragionevole. Pensare di giocare andando ad attingere dalla Primavera indipendentemente che siano professionisti, secondo me vuol dire davvero andare oltre. In Inghilterra hanno posto un minimo e i giovani per giocare devono essere dei professionisti. Questo va anche a beneficio dello spettacolo”.

TORNEO FALSATO? – “Secondo me il protocollo può essere cambiato, non funziona. Bisogna salvare il merito sportivo e lo spettacolo. Mondiali ogni due anni? Ritorniamo al fatto che si giochi troppo. Probabilmente è vero. Avere un Mondiale ogni due anni potrebbe essere eccessivo. Non sono favorevole a questa cosa”.