Calciomercato, in Inghilterra non hanno dubbi: Lukaku torna in Serie A

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:00

Romelu Lukaku è stato il grande colpo dell’ultimo mercato, ma col Chelsea sta vivendo un momento complicato: le ultime dall’Inghilterra

È stato l’uomo simbolo dello scudetto nerazzurro insieme ad Antonio Conte e, sempre insieme al tecnico salentino, ha lasciato il club meneghino in estate.

Calciomercato, in Inghilterra non hanno dubbi: Lukaku torna in Serie A
Romelu Lukaku ©LaPresse

Quella che ha (ri)portato Romelu Lukaku al Chelsea è stata una delle operazioni più onerose della storia del calcio: sono serviti 115 milioni di euro per convincere l’Inter a lasciar partire il colosso belga. All’attaccante, poi, è stato garantito dai ‘Blues’ un ingaggio da oltre 12 milioni a stagione. Cifre da capogiro che, però, non si stanno riflettendo con un impatto altrettanto impressionante sul campo da gioco. Dall’Inghilterra iniziano a paventare un clamoroso scenario.

Calciomercato Inter, Lukaku fatica al Chelsea | Ipotesi ritorno in Serie A

Lukaku e Tuchel ©LaPresse

Dall’Inghilterra arrivano notizie controverse sul momento di Romelu Lukaku, che starebbe facendo fatica ad entrare nelle grazie di Thomas Tuchel. Non è un caso che il Chelsea abbia espresso il suo miglior calcio quando il belga era indisponibile: una circostanza che potrebbe presagire uno scenario che avrebbe davvero del clamoroso. Una cosa è certa, per il momento, che l’attaccante dominante che tutti abbiamo ammirato sotto la gestione Conte non si è ancora visto in Premier League.

Secondo quanto rivelato dal ‘Daily Mail’, Romelu Lukaku starebbe pensando di lasciare i ‘Blues’ per un clamoroso ritorno in Serie A: la sua Inter, infatti, continua ed essere al top in Italia anche con Simone Inzaghi. Il belga, attualmente fuori per Covid, guarda con rammarico alla Serie A e quella squadra che come nessun’altra lo ha fatto sentire a casa. Un suo ritorno all’Inter, però, è uno scenario non percorribile al momento: Lukaku ha un ingaggio troppo pesante e il Chelsea non vorrebbe nemmeno mettere a bilancio una storica minusvalenza. L’ipotesi più realistica è quella di perseverare, fino a tornare ad essere quell’ira di dio vista in maglia nerazzurra anche a Londra.