Inzaghi gongola: “L’ho voluto a tutti i costi”. E ‘blocca’ Sanchez: “Ti fa vincere le partite”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:43

Le dichiarazioni di Simone Inzaghi, allenatore dell’Inter, dopo la travolgente vittoria di San Siro contro il Cagliari

Inter scoppiettante che cala il poker di fronte ad un Cagliari disastroso. La felicità e la soddisfazione di Simone Inzaghi in conferenza stampa, con la formazione campione d’Italia che ha sorpassato il Milan in vetta alla classifica. “La squadra sta giocando molto bene, anche stasera era una partita da prendere con le molle perché tutte le grandi che hanno giocato in Europa durante la settimana avevano sofferto – esordisce il tecnico nerazzurro – I ragazzi l’hanno affrontata però nella maniera giusta, con grande attenzione. Sono stati ordinati e hanno giocato un ottimo calcio. In questo momento non conta essere in testa alla classifica: è più importante la crescita, dobbiamo continuare su questa strada”.

Inzaghi in conferenza
Inzaghi in conferenza

CALHANOGLU – “Ero stato chiaro fin dall’inizio, io e la società lo abbiamo voluto con noi con tutte le nostre forze. Ha qualità e quantità, si è inserito nel migliore dei modi un un contesto che lo ha messo subito a suo agio. Sta andando molto bene e deve continuare a lavorare con questa intensità durante la settimana”.

DUMFRIES – “Stiamo lavorando molto con lui, anche sulla fase difensiva. Si applica tanto durante la settimana e vuole migliorare. Anche a Madrid non aveva fatto male ma aveva qualche problemino e anche oggi l’ho fatto uscire per gestirlo. Manca da qualche settimana Darmian e in quel ruolo dobbiamo fare attenzione. Denzel è in grande crescita, sta facendo bene”.

SANCHEZ – “E’ stato bravissimo, è un grande professionista. Lavora molto bene durante la settimana e in ogni allenamento cerca sempre di dimostrarmi che vuole più spazio. Ha fatto un gol importantissimo, quando l’ho chiamato in causa ha sempre dato ottime risposte. Tutti sappiamo il valore di Alexis, non lo scopriamo di certo oggi: può farti vincere le partite da un momento all’altro”.