Atalanta, l’amarezza di Gasperini: “Era alla nostra portata. Europa League tanta roba”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:10

Grande amarezza per l’Atalanta, che perde in casa con il Villarreal ed esce dalla Champions League: le parole di Gasperini

L’Atalanta esce dalla Champions League non senza rammarico. Dopo il rinvio di ieri per le condizioni meteo, stasera la Dea non riesce a tornare in paradiso e cade in casa contro il Villarreal, costringendo gli orobici a retrocedere in Europa League.

gasperini atalanta champions europa league villarreal
Gasperini © LaPresse

Al termine della partita, ai microfoni di ‘Sky Sport’, mister Gian Piero Gasperini ha commentato la sfida del Gewiss Stadium con più di una punta di amarezza: “C’è la sensazione di essere andati fuori da un turno che potevamo superare, ci abbiamo messo del nostro, succede in queste partite che sono gare secche e se fai errori come li abbiamo fatti noi fai fatica a rimediare. Nel finale resta la sensazione di aver fatto bene”. Ora l’Europa League: “Anche l’Europa League è tanta roba e diventa molto vicina alla Champions, si troveranno squadre molto forti. Ora la Champions sarebbe stata forse proibitiva nel sorteggio, ma sarà per noi una grande esperienza tornare in Europa League”.

Atalanta, Gasperini: “Partiti malissimo, persa una grande occasione”

gasperini atalanta champions europa league villarreal
Gasperini © LaPresse

Gasperini ha commentato anche a ‘Prime Video’ il ko per 3-2 con il Villarreal, nonostante le tante occasioni e i pali colpiti: “Purtroppo non siamo riusciti a esprimere il nostro solito calcio. Siamo partiti malissimo e si sa che in queste gare, quando vai sotto, è ancora più difficile. Dopo aver preso il primo gol abbiamo perso serenità e lucidità, soprattutto nel proporre gioco. Migliorando avevamo la sensazione di poter fare bene ma ormai era troppo tardi“.

Un po’ di sfortunata anche sul palo di Muriel che poteva valere il 3-3: “Il pareggio ci avrebbe dato qualche speranza in più, ma è anche vero che nei 90 minuti non siamo riusciti a fare la partita che avevamo nelle corde. Abbiamo avuto dieci minuti buoni, ma abbiamo sbagliato sul piano tecnico e sul gioco. Avevamo frenesia e poca lucidità. Il rammarico è questo: essere finiti fuori in una partita alla nostra portata. Siamo un po’ mancati e abbiamo perso una grande occasione per superare il turno”. Ma il bilancio è positivo: “Abbiamo fatto sicuramente una buona Champions in un girone non semplice, non è mai facile vincere a tutti i costi. Il sorteggio sarebbe stato proibitivo in Champions, ma sarà un’ottima esperienza tornare in Europa League“.