Dal rinnovo di Dybala allo scudetto: Nedved e Arrivabene non hanno dubbi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:54

Juventus, dal rinnovo di contratto di Paulo Dybala al tema scudetto: parlano Nedved e Arrivabene nel pre partita del match col Chelsea

Tra pochissimo sentiremo il fischio d’inizio di Chelsea-Juventus, gara importantissima per i bianconeri al fine di conquistare il primo posto nel girone di Champions. Durante il pre partita hanno rilasciato alcune dichiarazione il vicepresidente della ‘Vecchia Signora’, Pavel Nedved, e l’amministratore delegato Maurizio Arrivabene.

Juventus Nedved Arrivabene Dybala Chelsea
Nedved e Cherubini © LaPresse

Di seguito le parole di Nedved a ‘Mediaset Infinity’: “Per la società vale il passaggio del turno. Stasera è una partita molto importante contro un avversario in grandissima forma. Prevedo grosse difficoltà ma l’importante è passare il turno”.

PARTITA: “Conta la crescita dei nostri giocatori e della squadra. E’ una bella prova stasera. Non so se sia cambiato qualcosa. Spero che abbiano capito quanto sia difficile giocare per la Juve. Con la Juve devi giocare tutte le gare come fossero una finale”.

RINNOVO DYBALA: “Come dicevo tempo fa siamo vicini ma non ci sono novità in questo momento. Stasera Paulo è disponibile e ci fa molto piacere”.

SCUDETTO: “Credo che di scudetto non dobbiamo pensare. Dobbiamo pensare, dopo stasera, alla partita di sabato che potrebbe essere determinante”.

LEGGI ANCHE>>> Chelsea-Juventus, primo o secondo posto: Allegri spiazza tutti

Chelsea-Juventus, il motto di Arrivabene: “Piedi per terra e testa bassa”

Juventus Dybala Arrivabene Nedved Chelsea
Arrivabene © LaPresse

Queste invece le parole di Arrivabene a ‘Sky’: “Sensazioni pazzesche. Riguardo alla classifica credo che usare la calcolatrice serva a poco. Bisogna giocarsi tutte le partite”.

LEGGI ANCHE>>> Dall’Inter alla Juve, tutte ko: Mourinho lo ‘porta’ alla Roma

Il dirigente bianconero ha aggiunto: “Io utilizzo l’espressione piedi per terra e testa bassa, che è quello che dobbiamo fare qui. Si gioca partita su partita. Bisogna uscire da qui a testa alta e poi pensare a sabato per il campionato”.