CMIT TV | Juve, Montemurro ‘risponde’ ad Allegri: “Noi non vogliamo il corto muso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:53

Dalla Champions League al corto muso, l’allenatore della Juventus femminile Joseph Montemurro ha affrontati diversi temi alla nostra CMIT TV

La figura della donna nel mondo del calcio si sta espandendo a vista d’occhio. Ci sono ancora tante differenze, però, tra i vari paesi e ovviamente con il mondo maschile. Di questo e non solo ha parlato il tecnico della Juventus femminile, Joseph Montemurro, alla CMIT TV di Calciomercato.it. Commento anche su Allegri e sul suo marchio di fabbrica, il corto muso.

Juventus Montemurro Allegri
Joseph Montemurro alla CMIT TV

CALCIO FEMMINILE INGLESE E ITALIANO – “Sono campionati diversi, già in Inghilterra ci sono stati più investimenti e gli stranieri che sono arrivati hanno dato molta importanza. E poi possiamo fare anche il paragone fra i due calci, inglese ed italiano. Il primo ha ritmi molto alti, in Italia ci sono invece squadre molto organizzate. Le differenze sono culturali, ma l’Italia con gli investimenti fra un paio di anni arriverà. Sulla Champions? Le prime due partite non sono state casuali, ma figlie della crescita del gruppo, secondo me la gara in Germania ci ha fatto vedere questa crescita”.

STILE DI GIOCO – “Dobbiamo avere la palla più degli altri. Poi bisogna sempre crederci, ho visto un gruppo dove le ragazze non credevano in loro stesse sul piano internazionale. Ho spinto su questa cosa, hanno bisogno di credere che il livello non è tanto distante. L’atteggiamento è stato quello, siamo la Juventus, anche noi possiamo gestire le partite”.

ALLEGRI – “Mister Allegri è stato veramente molto gentile, tutta la famiglia Juventus crede nel progetto, ci sentiamo veramente parte di tutto questo grandissimo brand. Non mi mettete sullo stesso piano del mister, lui è il mio idolo”.

LEGGI ANCHE>>> CMIT TV | Inter, tutta la verità sulla cessione al fondo PIF

CMIT TV | Juventus, Montemurro: “Corto muso? Non lo vogliamo”

Montemurro Juventus Allegri
Allegri © LaPresse

SERIE A FEMMINILE – “Se noi vogliamo essere al top noi dobbiamo gestire queste partite importanti, faccio l’allenatore per queste gare, dobbiamo essere sempre intelligenti nelle rotazioni, analizzare i carichi, la cosa anche importante: la maggior parte delle ragazze hanno delle gare importanti con la Nazionale italiana, speriamo che possano tornare subito pronte. Io martello sempre le ragazze, non è questione di chi inizia, ma delle 20 giocatrici a disposizione nell’arco di tutta la sfida, il calcio adesso è così e tutte si sentono importanti e parte del progetto”.

LEGGI ANCHE>>> Calciomercato, UFFICIALE: ritorna Mario Mandzukic

CAMMINO IN CHAMPIONS – “Tutti e due, sia io che Allegri, arriviamo in finale (ride, ndr)”.

CORTO MUSO – “Corto muso? Non proprio, noi vogliamo la palla più dell’altra squadra“.