Inter a PIF, tempistiche e dettagli dagli Stati Uniti: “Ecco la verità”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:01

A poche ore dal derby col Milan fondamentale per la classifica, quello attuale è un periodo decisivo per il futuro societario dell’Inter e il passaggio di proprietà

Ancora pochissime ore e a ‘San Siro’ andrà in scena il derby della Madonnina tra Inter e Milan, importantissimo per la classifica, soprattutto per i nerazzurri che in caso di sconfitta vedrebbero allontanarsi in maniera enorme le posizioni scudetto. Ma in questi giorni il club di viale della Liberazione sta vivendo un momento decisivo anche per il futuro, per la questione stadio e ovviamente le indiscrezioni sulla cessione societaria e l’ombra del fondo PIF.

inter zhang pif suning cessione
Marotta e Zhang © LaPresse

Il giornalista della ‘CBS Sports’ Ben Jacobs ha parlato della situazione a ‘fcinter1908.it’: “I colloqui tra Inter e PIF ci sono stati per un po’, soprattutto prima che si completasse l’acquisizione del Newcastle da parte del fondo saudita. Ma in origine, le parti stavano discutendo di un investimento per le quote di minoranza del club. A settembre, il PIF ha parlato ancora con Suning riguardo la possibilità di acquistare la maggioranza della società. Non è successo molto da allora”.

Cessione Inter a PIF: “Non succederà tanto presto”

Non solo Lautaro Martinez: tre firme in arrivo per l'Inter
Steven Zhang © Getty Images

“Steven Zhang e Suning – continua Jacobs – preferirebbero comunque restare, se le finanze lo permetteranno. E idealmente vogliono aspettare fino alla costruzione del nuovo stadio, anche se mancano ancora alcuni anni. Il PIF vuole più di una squadra di calcio a lungo termine, ma non ha fretta. E, nel caso in cui vogliano comprare l’Inter, ci sarebbe ancora da fare la due diligence e successivamente assicurarsi che il prezzo di 1 miliardo che Suning ha fatto valga il loro investimento. PIF vuole emulare il City Group, Suning alla fine potrebbe essere costretta a vendere ma non è detto che gli arabi guardino ancora in Europa. Certo, PIF ha la ricchezza necessaria per cancellare il debito, ma l’investimento per loro riguarda il valore: sia finanziario che in termini di marchio”.

E il nuovo stadio? “Le notizie positive sul nuovo stadio non fanno che aumentare il prezzo. Sarà interessante vedere quanto Suning sia serio nel portare a termine la costruzione del nuovo stadio. Ma comunque ad ora l’acquisto del club nerazzurro da parte di PIF non è stato per niente vicino. Il motivo principale per cui non è successo nulla fino ad oggi è perché Suning non vuole davvero vendere. Potranno essere costretti a farlo, ovviamente, ma questo non cambia la loro posizione. Non credo che ci sarà un accordo entro la fine di quest’anno, come suggeriscono alcune indiscrezioni. Per ora il PIF si concentrerà sul Newcastle. Molto dovrebbe cambiare perché qualcosa accada a breve”.