Milan-Inter, carica Inzaghi: “Ho visto gli occhi giusti” | E su Conte…

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:29

Verso Milan-Inter, la conferenza stampa pre-partita di Simone Inzaghi: le parole del tecnico nerazzurro alla vigilia del derby

Dopo una vittoria convincente in Champions League, l’Inter è chiamata a sfidare il Milan capolista e ad accorciare il distacco in classifica. A Milano è infatti tutto pronto per il derby, con le due squadre che scenderanno in campo a San Siro alle 20.45 di domani.

Calciomercato.it ha seguito per voi in diretta la conferenza stampa da Appiano Gentile. Ecco le parole del tecnico nerazzurro.

VITTORIA – “Ci manca la vittoria, domani abbiamo una grandissima partita, per noi è fondamentale fare risultato. Ho visto gli occhi giusti nello spogliatoio”.

CAMBIO MARCIA – “Nelle ultime partite non ci siamo snaturati, abbiamo sempre giocato un ottimo calcio e creato tanto. Chiaramente abbiamo lavorato meglio in fase difensiva, più di squadra. Il blocco è stato sempre molto compatto e dalla Juve in poi abbiamo concesso molto poco”.

DERBY PIU’ IMPORTANTE – “E’ il mio primo derby di Milano, c’è una grandissima voglia. L’avvicinamento è stato diverso: siamo tornati giovedì dalla trasferta europea, ieri si è stati tutto il giorno qua. I tifosi aspettano questa partita, c’è grandissimo entusiasmo, andiamo grandi tifosi che ci seguono sempre in massa e domani ci aiuteranno tantissimo nei momenti in cui ci sarà da soffrire tutti insieme”.

CALHANOGLU – “Mancano ancora due allenamenti. In questo momento a metà campo ho ottime risposte: Calhanoglu con l’Udinese ha fatto una grande partita, Vidal in Champions è stato fondamentale, Gagliardini con Empoli e Lazio è stato tra i migliori. Poi c’è Vecino che mi mette in difficoltà in tutti gli allenamenti e Sensi meriterebbe più spazio. Ho la fortuna di allenare una grande squadra, ho competizione in tutti i ruoli e per il momento va bene così. Ho qualcosa in testa per la formazione, ma devo avere la conferma dagli ultimi due allenamenti”.

CLASSIFICA – “Va guardata ma in un derby si azzera. Conterà corsa, aggressività, determinazione. Affrontiamo un avversario di valore e sta facendo un qualcosa che non era successo a nessuno, avere 31 punti dopo 11 partite. Vanno fatti i complimenti al Milan e al Napoli”.

COSA TEMI DEL MILAN – “E’ una squadra che segna tanto e non concede tantissimo. E’ una squadra che gioca assieme da tanti anni, con un ottimo allenatore. Dovremo prestare massima attenzione. Noi viviamo un ottimo momento, siamo il miglior attacco: abbiamo una grande possibilità di fare un ottima partita”.

Calciomercato Inter, Inzaghi e le sirene di Conte per i nerazzurri

Simone Inzaghi
Simone Inzaghi © LaPresse

RINNOVI – “E’ normale che da allenatore fanno piacere i rinnovi. Ho la fortuna di avere proprietà e dirigenti sempre presenti, mi fanno sentire il loro sostegno. Sapevamo che quest’estate dovevamo fare uscite importanti, ma dopo le cessioni la società mi è stata vicina, abbiamo fatto acquisti importanti. I rinnovi fanno capire che la società è ambiziosa. Ora ci sono altri giocatori che discuteranno della loro situazione, ma io penso al campo e poi ci sono i dirigenti che sono sempre con me”.

VOCI SU ACQUISTI TOTTENHAM – “Non ho mai pensato a queste cose. Ora c’è questa partita, poi ce ne saranno altre nove per la fine del girone di andata. E’ prematuro pensare a gennaio. Ora conta il derby: vogliamo fare una grande partita e dare una soddisfazione ai nostri tifosi”.

SCONFITTA E SCUDETTO – “Si sono giocate solo undici partite. C’è un ritardo di sette punti che vogliamo colmare a partire da domani. Da qui alla fine mancheranno ancora 27 partite, sono tantissime. Domani è una partita importantissima per la classifica e per le convinzioni della squadra”.