Stadio Milan e Inter, ecco l’interesse pubblico: le parole di Sala

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:39

Nuovo passo in avanti per lo stadio di Milan e Inter: il sindaco Sala ha parlato in relazione all’interesse pubblico e l’intesa con le due società

Inter e Milan nemiche in campo, ma alleate per lo stadio. A pochi giorni dal super derby di domenica sera che potrebbe dare un’ulteriore direzione al campionato e alla lotta scudetto, continua anche l’iter per il nuovo impianto di proprietà. A tal proposito il sindaco di Milano Beppe Sala è tornato a parlare, con toni decisamente ottimisti. Al centro la delibera sull’interesse pubblico del progetto del nuovo ‘San Siro’, per cui la Giunta comunale sta “lavorando” e l’approvazione potrebbe arrivare “domani o altrimenti venerdì prossimo“.

san siro stadio milan inter sala
Stadio San Siro © Getty Images

Il primo cittadino è intervenuto a margine delle celebrazioni per il 4 novembre: “Credo che a questo punto, per come è stata formulata la cosa, noi non abbiamo più grandi incertezze – le parole riportate da ‘Sport Mediaset’ -. L’interesse pubblico credo vada spiegato bene, anche alla cittadinanza e a tutto il mondo della politica. Penso che per come siamo partiti due anni fa, abbiamo fatto dei grandi passi avanti e a mio giudizio il fatto di essere riuscito a riportare le squadre al rispetto dell’indice volumetrico del Pgt è una cosa molto positiva”.

Sala continua sull’intesa con i vertici di Milan e Inter: “Considero molto buono l’accordo fatto e quindi non ho incertezze, però va spiegato bene ai cittadini cosa sarà di San Siro, dell’area, quanto verde rimarrà. Le proprietà nel 2027 potrebbero essere diverse? Quello è un problema che riguarda il calcio moderno e tutti i grandi club. Il punto dirimente è l’ambizione espressa da Milan e Inter di essere ancora parte del top europeo e da questo punto di vista la loro considerazione è che lo stadio è indispensabile. Io sono arrivato alla conclusione dopo tante riflessioni che per loro lo stadio è il tema e se non glielo permettessimo a San Siro certamente andrebbero da un’altra parte. Per loro lo stadio è prioritario“.