“Chiuderò loro la bocca!” Risposta a Bonucci e Chiellini?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:35

Le parole di Bonucci e Chiellini su Cristiano Ronaldo non sono passate inosservate neanche al fuoriclasse portoghese

In questi giorni sono tornati a parlare due dei senatori della Juventus, Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini. E come sempre non sono stati banali, non hanno risparmiato nessuno compreso Cristiano Ronaldo. L’addio col portoghese in estate non è stato dei più sereni.

CR7 è tornato nelle battute finali del calciomercato a vestire la maglia del Manchester United, dimostrando di essere ancora decisivo dappertutto. In campionato come in Champions League, chiedere a Villarreal e Atalanta che hanno subito due gol da Ronaldo nel finale che sono valsi allo United 4 punti. Praticamente la differenza tra la qualificazione e l’eliminazione.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, addio all’Inter e super assist per Allegri

Ronaldo: “Chiuderò le bocche dei detrattori. Il mio lavoro è vincere”

ronaldo manchester united bonucci chiellini
Ronaldo © Getty Images

Bonucci non è stato leggero, dicendo che la Juve giocava per Ronaldo e ora i bianconeri devono ritrovare lo spirito che c’era prima dell’arrivo del portoghese. Chiellini gli ha invece rimproverato le tempistiche dell’addio. Insomma, un doppio attacco che non ha lasciato indifferente lo stesso campione dei Red Devils. “Chiuderò le bocche di chi mi critica, non vogliono vedere tutto il lavoro che io faccio in difesa – ha detto Ronaldo a ‘Sky Sports UK’ -. So quando la squadra ha bisogno del mio aiuto in difesa, ma il mio ruolo è quello di aiutare la squadra a segnare e vincere. La parte difensiva fa parte del mio lavoro. La gente non vuole vederlo perché non gli piaccio. Ma ho 36 anni, ho vinto tutto e dovrei preoccuparmi di qualcuno che dice cose negative su di me? La notte dormo benissimo, vado a letto con la coscienza pulita. E continuerà così perché continuerò a chiudere bocche e vincere titoli”.

Ronaldo continua: “Le critiche fanno parte del gioco ma non mi preoccupano, anzi le vedo come cose positive. Se parlano di me è perché conoscono la mia forza, quindi è positivo. Se tu chiedi al peggior studente di una scuola se gli piace quello che invece è il miglior studente, ti risponderà di no”.