Bologna-Milan, Pioli in conferenza: “Out anche Kessie”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:17

Bologna-Milan, la conferenza stampa di Stefano Pioli alla vigilia della sfida di domani sera al Dall’Ara

Stefano Pioli

Alla vigilia di Bologna-Milan, le parole di Stefano Pioli. Il tecnico rossonero analizza il match in programma domani sera al Dall’Ara contro i rossoblù.

Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

CONFRONTO – “Il fatto di essere tre anni che affronto Mihajlovic e siamo entrambi sulla stessa panchina è segno di continuità e di possibilità di lavoro che ha dato il club”.

POST PORTO – “Sono state 48 ore abituali dopo una gara, ho valutato le poche cose positive e quelle negative, abbiamo lavorato con grande concentrazione sulla gara di domani, la Champions la riprenderemo quando sarà il momento”.

IBRAHIMOVIC – “Ha bisogno di giocare, è una settimana che è in gruppo, il minutaggio sarà in crescendo, dobbiamo decidere chi far partire tra lui e Giroud”.

BOLOGNA – “Ci aspetta un avversario forte, che ci metterà in difficoltà, che ha cambiato modulo. Sarà una partita difficile. Hanno qualità importanti, sono molto motivati e hanno avuto tutta la settimana per preparare la partita. Dovremo essere concentrati in entrambe le fasi di gioco. Contro la Lazio ha vinto aspettando gli avversari, ma conosco Sinisa e so che provano a pressare alto. Abbiamo provato entrambe le situazioni”.

INFORTUNI – “Rispetto alla partita di Porto, domani recuperiamo Conti e Castillejo, Kessie ha avuto una forte sindrome influenzale e non si è allenato tutta settimana, per fortuna non è altra cosa. Quindi domani non ci sarà. Rebic ha provato, ma ha ancora dolore. Per domani avremo comunque una rosa forte a disposizione, con cambi importanti”.

100 PANCHINE – “Le sensazioni sono quelle di essere concentrato per la gara di domani. Non ricordavo questo traguardo, è bello essere qui, mi sento bene con tutti. Dobbiamo pensare al presente, si parla troppo di futuro, di Champions e di classifica del campionato. Dobbiamo pensare a fare bene, la stagione è molto lunga, dobbiamo approfittare di tutte le nostre qualità, la continuità deve essere il nostro punto di forza. Il momento da ricordare? L’esordio a San Siro, anche se la gara non si era conclusa benissimo. Spero che il meglio possa ancora arrivare”.

CAMPIONATO E CHAMPIONS – “Rinunciare alla Champions per concentrarci sul campionato non fa parte della nostra mentalità. Non ci pensiamo minimamente ad abbandonare la Champions, è sempre meglio intraprendere un viaggio, anche impossibile, piuttosto che non partire. Dovremo dare il massimo in ogni partita e in ogni competizione”.

CASTILLEJO E TOMORI – “Samu l’ho visto bene, si è allenato bene, c’è possibilità che possa giocare dall’inizio. Tomori sta bene, al centro della difesa ho tante alternative, vedremo che partita ci aspetterà domani”.

MALDINI – “Credo che il primo tempo contro il Verona sia stato complicato con tutti, Daniel è un giocatore forte, che sta crescendo e si farà trovare pronto quando sarà chiamato in causa”.

La risposta alla domanda di Calciomercato.it sull’ipotesi di vedere due punte e sulle condizioni di Pellegri: “Non credo che la condizione attuale di Zlatan ci possa permettere di partire con lui e Giroud in campo, quando saranno al meglio potrebbe anche succedere. Pellegri ha avuto una piccola infiammazione, anche lui non ci sarà”.

CALABRIA E CLASSIFICA – “Non dobbiamo vedere gli altri, dobbiamo pensare a noi e a vincere contro il Bologna. Calabria è un giocatore forte, è intelligente, può giocare a sinistra, ma se possibile lo tengo a destra”.

LEAO TREQUARTISTA – “Poteva essere un’opzione se avessimo avuto più attaccanti a disposizione, ma non essendoci Rebic non giocherà in quella posizione”.

CALO PSICOFISICO – “Ci siamo sempre comportati bene tranne a Porto, per cui mi aspetto una gara come le altre, ho fiducia nei miei giocatori”.