PAGELLE E TABELLINO MILAN-VERONA 3-2 | Leao illumina San Siro! Sorpresa Castillejo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:48

Pagelle e tabellino di Milan-Verona, match valido per l’ottava giornata di Serie A

Per avere aggiornamenti in TEMPO REALE sulle ultime di CALCIOMERCATO, ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM!

pagelle Milan-Verona
Leao © Getty Images

 

Ecco le pagelle di Milan-Verona:

MILAN

Tatarusanu 6 – In occasione del primo gol forse avrebbe potuto fare di più ma raccogliere l’eredità di Maignan non era per nulla facile. Alla fine si rende protagonista di un paio di buoni interventi.

Calabria 6 – Meglio quando entra dentro al campo, alla Theo Hernandez, che quando crossa dall’esterno. La sua partita è comunque più che sufficiente.

Tomori 6,5 – Altra prova convincente del centrale inglese, che non sbaglia praticamente mai anche questa sera. Nel finale alza il voto con due interventi decisivi.

Romagnoli 5 – A prescindere dal rigore che sembra non esserci, brutta partita del capitano, che perde il duello costantemente con Kalinic. Ingenuo anche nei secondi finali nel causare una punizione pericolosa.

Ballo-Toure 4,5 – Primo tempo davvero improponibile. L’ex terzino del Monaco sbaglia anche le cose più facili. Passare da Theo Hernandez al senegalese è davvero pesante. Un po’ meglio nella ripresa.

Bennacer 6,5 – L’algerino gioca 77 minuti di buon livello, anche all’inizio, quando la squadra fa male. Giocatore rinato. Dal 78′ Ibrahimovic s.v.

Kessie 6,5 – Gioca a ritmi bassi, con poca intensità. Poco convinto in occasione del primo gol subito dai rossoneri. Cresce nella ripresa e dal dischetto stavolta non sbaglia.

Saelemaekers 5 – La Nazionale restituisce un Saelemaekers spento, irriconoscibile. Serata da dimenticare anche per il belga. Dal 45′ Castillejo 7 – Lo spagnolo entra in campo col piglio giusto, dimostrandosi utile alla causa nonostante le voci di mercato. Si procura il calcio di rigore con cui i rossoneri si portano sul 2-2 e dal suo cross arriva l’autogol di Gunter.

Maldini 5 – Sfiora l’eurogol con un tiro al volo. Fatica ad entrare nel vivo del gioco. Fa la scelta sbagliata in occasione di un contropiede davvero pericoloso. Dal 45′ Krunic 6,5 – Ci mette la sua solita grinta. Entra bene in campo, vincendo tutti i duelli con gli avversari. Anche il bosniaco è tra gli artefici della rimonta rossonera.

Rebic 6,5 – E’ l’unico a provarci in un primo tempo disastroso per i rossoneri ma predica nel deserto. Esce per infortunio. Dal 35′ Leao 7,5 – E’ l’uomo in più di questo Milan. Accende la partita con le sue giocate. Assist al bacio per Giroud così come per Castillejo, in occasione del rigore.

Giroud 7 – Si mette in mostra nel primo tempo solo per qualche spizzata di testa. Al primo pallone buono, però, la mette dentro da vero numero 9, dando il via alla rimonta. Dall’80’ Tonali s.v.

All. Pioli 6,5 – Il peggior Milan visto quest’anno. 45 minuti da incubo per i rossoneri ma Pioli è bravo a riprenderla facendo i cambi giusti. Krunic, Leao e Castillejo risultano decisivi

VERONA

Montipò 6 – Può davvero poco in occasione dei tre gol subiti. Attento nelle palle alta.

Ceccherini 5,5 – Ingenuo nel farsi ammonire dopo pochi minuti. Fatica a tenere Rebic, meglio quando è spostato a sinistra. Dal 45′ Sutalo 5 – Secondo tempo complicato per il Verona e l’ex Atalanta affonda come il resto della retroguardia.

Günter 4,5 – Primo tempo praticamente perfetto. Non fa toccar pallone a Giroud ma nella ripresa va in sofferenza. Alla fine decide il match con un autogol clamoroso.

Casale 5 – Leao diventa presto un incubo. Impossibile contenere il portoghese anche stasera ispirato.

Faraoni 5 – Il Faraoni che conosciamo tutti, vera spina nel fianco per le difese avversarie, stasera non si vede. Pensa più a difendere e non sempre lo fa bene.

Ilic 6 – L’ex Manchester City è davvero un bel giocatore. Sa far tutto e bene ma deve anche migliorare, come in occasione del gol di Giroud, in cui non riesce a contenere Leao.

Veloso 6,5 – Mette la sua esperienza al servizio della squadre. E’ suo l’assist di testa per il gol di Caprari. Dal 60′ Tameze 5 – Avrebbe dovuto dare una mano soprattutto in difesa ma non ci riesce.

Lazovic 6 – Quando spinge fa male, purtroppo per il Verona non lo fa con continuità.

Barak 6,5 – Il centrocampista della Repubblica Ceca gioca a testa alta e con grande personalità. ci mette spesso il fisico e anche la testa con intelligenza. Dal dischetto non sbaglia. Perde un po’ di lucidità nella ripresa.

Caprari 7 – Gioca tra le linee, mettendo in difficoltà i rossoneri. Il gol che sblocca la partita è da rapace d’area, cosa che lui spesso non è. Dal 60′ Simeone 5 – Non dà davvero alcun contributo alla manovra offensiva del Verona

Kalinić 6,5 – Il croato fa bene quello che sa fare. Fa a sportellate con i difensori rossoneri, fa salire la squadra e si procura un calcio di rigore. Dal 63′ Lasagna 5 – Non riesce a ripetere la prestazione del compagno sostituito.

All. Tudor 6 – Mette tanta paura al Milan, dimostrando che il suo Verona darà filo da torcere a tutti. Si arrende alla forza dei rossoneri

Prontera 5 – Partita no per il fischietto di Bologna, che perde troppo in fretta il controllo. Discutibile la gestione dei cartellini così come la scelta di assegnare il rigore al Verona. Forse, andarlo a rivederlo, avrebbe potuto aiutare.

TABELLINO
MILAN-VERONA 3-2

MILAN (4-2-3-1): Tătărușanu; Calabria, Tomori, Romagnoli, Ballo-Touré; Bennacer, Kessie; Saelemaekers, Maldini, Rebić; Giroud. A disp.: Jungdal; Conti, Gabbia, Kalulu, Kjær; Castillejo, Krunić, Tonali; Ibrahimović, Leão, Pellegri. All.: Pioli.

VERONA (3-4-2-1): Montipò; Ceccherini, Günter, Casale; Faraoni, Ilić, Veloso, Lazović; Barak, Caprari; Kalinić. A disp.: Berardi, Pandur; Çetin, Dawidowicz, Magnani, Šutalo; Bessa, Hongla, Rüegg, Tameze; Lasagna, Simeone. All.: Tudor.

Arbitro: Prontera di Bologna.
AMMONITI: 5′ Ceccherini (V), 25′ Kalinic (V), 38′ Casale (V). 54′ Veloso (V), 81′ Toure (M)
ESPULSIONI:
GOL: 7′ Caprari (V), 24′ Barak su rigore (V), 59′  Giroud (M), 76′ Kessie su rigore (M), 79′ autogol Gunter